Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Theremin

Musica senza corde né tasti

Una elevata capacità d’interpretare la parte invisibile del suono per renderla visibile a tutti è l’ingrediente che contraddistingue un suonatore di Theremin. Il primo strumento elettronico al mondo che non prevede il contatto fisico con il musicista, inventato nel 1919 dal fisico russo Termen – da cui il nome – e conosciuto da Parigi a New York nel giro di appena 10 anni.

Lo strumento si presenta come una scatola elettronica con due antenne: una a sinistra curva e orizzontale, l’altra a destra diritta e verticale. La prima regola il volume, la seconda l’intensità. Mano sinistra che si alza e si abbassa, mano destra che pizzica delle corde immaginarie che si trasformano in suoni. Le onde di frequenza generate dai circuiti elettronici non sono udibili se non quando le mani entrano nel loro raggio d’azione. Ed è proprio questa invasione di campo, assieme al dialogo musicista-strumento, a solleticare il senso dell’udito e a regalare una magia a chi ascoltando osserva l’unicità e la bellezza dell’incontro fra corpo e suono.

Vincenzo Vasi è un italiano che di questo versatile gioiello ne fa virtù. Da poco è uscito il suo ultimo lavoro Braccio elettrico, una raccolta descritta come «un viaggio per solo Theramin da avere assolutamente».

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024