Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Tesino in festa: ritorna il Conte Biagio delle Castellare!

Che il Tesino avesse un passato ricco di aneddoti e molteplici tradizioni, mantenute e divulgate con cura dalla popolazione che lo abita, non è di certo una novità! Già la storia dei Perteganti e dell’Arrotino rivelano la costanza, il coraggio e la determinazione con cui i Tesini, nel corso dei secoli, hanno saputo mettersi in gioco in ogni situazione, perseguendo il bene del singolo e della propria comunità.

A testimonianza di questi principi, il tradizionale Carnevale del Conte Biagio – dopo ben dieci anni di pausa (a causa del Covid-19) – torna oggi, 18/02/2024, dalle 9:00 nella piazza di Castel Tesino, a intrattenerci con un’altra storia che caratterizza la ridente conca valsuganotta.

Storia di un conte tiranno e di un popolo ribelle

Questa tradizione risale al 1365, quando un condottiero di nome Biagio, al servizio dei Carraresi di Padova, ricevette il compito di difendere i territori della famiglia veneta dagli attacchi di Siccone da Caldonazzo (alleato di Carlo IV di Lussemburgo). Si recò in Tesino alla ricerca di uomini da arruolare e risorse da sfruttare in battaglia ma, suo malgrado, non ricevette nessun tipo di aiuto.

Dovette, perciò, affidarsi alla popolazione padovana che, al termine della guerra, ne uscì sconfitta. Biagio, tuttavia, divenne Conte di Grigno e del Tesino, che restarono sotto il suo controllo per nove lunghissimi anni. In questo arco di tempo, Biagio mostrò tutta la tirannia di cui era capace, finché un giorno il popolo dei Tesini si ribellò.

Tutto avvenne quando il duca d’Austria Rodolfo IV attaccò i Carraresi e il Conte, alleandosi con quest’ultimo, li tradì. In questa situazione, i Tesini intravidero la possibilità di liberarsi del loro sovrano, insorgendo e catturandolo nel posto dove si era rifugiato: a Castel Ivano Fracena. Biagio, però, riuscì a scappare dai Tesini che, esausti e pieni di rabbia, processarono e condannarono a morte il loro padrone, impiccando simbolicamente un fantoccio di paglia dalle sue sembianze.

Il Carnevale del Conte Biagio: una ricorrenza secolare

Pare che sia proprio dal XIV secolo che i Tesini, inizialmente ogni anno e poi ogni cinque anni, abbiano voluto ricordare la condanna di Biagio con uno spettacolo che rappresenta il processo e la successiva impiccagione del tiranno.

Superando anche le perplessità da parte della Chiesa, questa tradizione ha contribuito a far conoscere questo fatto storico anche fuori regione (ad esempio, in Sicilia, dove i Tesini sono stati profughi durante la Prima Guerra Mondiale).

In epoca fascista il Carnevale del Conte Biagio fu vietato dal Regime, in quanto promulgava ideali di libertà e ribellione popolare. Fu, però, ripreso nel secondo dopoguerra e, ad oggi, coinvolge numerosi volontari tesini e forestieri che, ogni cinque anni, si impegnano a rendere coinvolgente questo spettacolo.

Consigliamo la partecipazione all’evento a chiunque voglia scoprire qualcosa di più su una delle storie che rendono la nostra regione unica, trascorrendo una domenica insolita e divertente!

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024