Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Su, su correte, è l’ora di partir…”

«Non ti ricordi quel mese d’Aprile,
Quel lungo treno che andava al confine.
Che trasportavano migliaia degli alpini:
Sù, sù correte: è l’ora di partir!»
[Monte Canino – elab. F. Mingozzi]

Questi versi sono solo una parte di quella ricchezza musicale fatta di testi e canzoni, che hanno tenuto compagnia ai soldati. Un ricordo di tempi passati o, semplicemente, canti nati tra le trincee che sono andati a costituire un patrimonio talmente vasto e variegato da assumere la definizione, riferita alla Prima Guerra mondiale, di Guerra Cantata.

“Su su correte, è l’ora di partir…” − il titolo del progetto pensato e realizzato dal coro città di Ala (TN) − non per celebrare l’anniversario della Grande Guerra ma per proporre un’occasione di profonda riflessione su ciò che è accaduto. La partenza dei soldati per il fronte, l’abbandono delle loro case e delle loro famiglie senza la sicurezza di rivederli ancora, uomini contro uomini.

10378278_10208829151548814_2434352824795857130_n

Sotto la direzione del maestro Joel Aldrighettoni, la voce di un coro accompagna le letture di testi, di poesie e la proiezione di immagini, portando lo spettatore a ripercorrere parte della storia studiata a scuola e sentieri della memoria spesso dimenticati. Un momento di riflessione, di memoria; di emozioni e sentimenti sepolti, che il canto ha la capacità di far riemergere. Solo ricordando gli errori fatti e facendone ammenda possiamo essere portatori di pace e fare in modo che quei fronti della Grande Guerra e i suoi morti non siano pagine di storia che si ripetono.

«Di queste case.
Non è rimasto
Che qualche
Brandello di muro.
Di tanti
Che mi corrispondevano
Non è rimasto neppure tanto.
Ma nel cuore
Nessuna croce manca
È il mio cuore il paese più straziato.»
[San Martino del Carso – Giuseppe Ungaretti]

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024