Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Stoner: la storia straordinaria di una vita ordinaria

John Williams

Ammetto di averlo scoperto solo all’undicesima ristampa. Ogni tanto leggevo delle fascette editoriali promosse da Niccolò Ammaniti, Bret Easton Ellis, Paolo Giordano, Gabriele Romagnoli. Per carità, tutti nomi di un certo livello. Ma io ho un problema: non mi sono mai fidato delle fascette editoriali. Puzzano. Allora rimandavo l’appuntamento. Finché sono diventate così tante (ancora: Tom Hanks, Ian McEwan, Emanuele Trevi, Mario Fortunato, Irene Bignardi), che mi sono detto: «Adesso basta». Proprio così, con lo stesso tono di un anziano signore scocciato dai rumori provocati dal pallone di alcuni ragazzini, alla controra. E l’ho letto.
Il bello è che l’ho letto tre volte, e adesso, se penso a William Stoner (il protagonista del romanzo), non posso evitare di farmi salire un brivido caldo lungo tutta la schiena. È il brivido carico di commozione che si può provare solo davanti al racconto di vite straordinarie. E qui casca l’asino. Perché Stoner non aveva affatto una vita straordinaria. Al contrario. Mi spiego meglio. L’esistenza di Stoner può racchiudersi in una sola frase: un ragazzo nasce, va all’Università e diventa un Professore. Poi si sposa, ha una figlia, si ammala e muore.
Eppure è una delle cose più sorprendenti che vi capiterà mai di leggere. Non solo per la storia in sé (la dimostrazione di come anche la vita apparentemente più vuota possa significare tantissimo), ma per lo stile con il quale viene narrata. Uno stile limpido e pulito, ma profondo al tempo stesso, che raramente troverete in un altro autore. Sperando vivamente che non ne traggano un film, vi invito a comprarlo (non emulatemi, facendo aspettare la ventesima edizione) e vi saluto con il periodo più bello del libro, si trova a pagina 46:

«Vi fu un lungo silenzio e Stoner pensò che Sloane avesse chiuso il discorso. Ma appena si alzò per andarsene, il professore parlò di nuovo. Disse lentamente: “Deve ricordare chi è e chi ha scelto di essere, e il significato di quello che sta facendo. Ci sono guerre, sconfitte e vittorie della razza umana che non sono di natura militare e non vengono registrate negli annali di storia. Se ne ricordi, al momento di fare la sua scelta”». Che dire… giù il cappello.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023