Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Sanremo 2022 – Il pagellone della terza serata (Secondo Tempo)

Leggi il primo tempo del Pagellone!

Vi avevamo promesso 25 giudizi, invece ne sono arrivati dodici. Non disperate: non ci siamo addormentati nel bel mezzo della terza serata. Abbiamo pensato che potesse essere meglio dividere il pagellone in due parti, perché – siate sinceri! – nessuno ha voglia di leggere articoli lunghi. Ecco quindi la seconda parte del pagellone della terza serata del Festival di Sanremo.

TANANAI – Sesso occasionale. Gli spengono il microfono per qualche secondo mentre canta. Il momento migliore di una canzone (e di un’interpretazione) oscena. Voto: 4

ELISA – O forse sei tu. Chiunque sarebbe stato apprezzato dopo Tananai. Se quel “chiunque” poi è Elisa, la favorita numero uno di questo Festival, allora s’è fatta tombola. Non sbaglia quasi niente. Rimane solo il rammarico per una voce non sfruttata fino in fondo. Voto: 7.5

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA – Ciao Ciao. La canzone è tutta uguale: un mucchio di versi buttati lì un po’ a casaccio in funzione del ritornello, laidamente icastico. Hanno voluto costruire una hit, senza prendersi per niente sul serio, e ha funzionato. La sentiremo ovunque fino allo sfinimento. Voto: 6

IVA ZANICCHI – Voglio amarti. Funziona come la prima volta: benissimo. Iva Zanicchi ha un tocco di ruvidezza nella voce che sporca di rock quel tanto che basta una canzone che altrimenti saprebbe un po’ troppo d’antico. Voto: 7.5

ACHILLE LAURO – Domenica. Dopo la valanga di critiche ricevute, Lauro sembra voler mettere da parte le provocazioni e concentrarsi sulla propria canzone, cioè sul nulla. Dispiace che il coro gospel abbia dovuto volare da New York per niente. Voto: 4.5

MATTEO ROMANO – Virale. Il sorriso dolce, la timidezza, gli occhi buoni, la voce armoniosa: Matteo Romano e la sua Virale non possono non conquistare. Voto: 7.5

ANA MENA – Duecentomila ore. Vabbè, è troppo tardi per perdersi in riflessioni su questa canzone. Spregiudicatamente discotecara o da balera estiva, ma solo  se accompagnata da un tasso alcolemico ben alto. Voto: 4

SANGIOVANNI – Farfalle. Un’altra esibizione che funziona meglio la seconda volta. Anche la canzone, insulsa al primo ascolto, stavolta è godibilmente orecchiabile. Poi Sangiovanni tiene il palco con la spavalderia di un veterano. Voto: 6

EMMA – Ogni volta è così. Rileggete quanto scritto nel pagellone della seconda serata. La canzone di Emma funziona e funziona ancora di più l’esibizione. In più stasera ha ritrovato un po’ di voce. Voto: 7

YUMAN – Ora e qui. Per la stampa peggio di lui sono solo Ana Mena e Tananai, ma è un giudizio davvero incomprensibile: usa bene la voce, sfuma di jazz la sua canzone e il fatto che abbia già rotto il ghiaccio due giorni fa rende più sciolta la sua presenza scenica. Voto: 7

LE VIBRAZIONI – Tantissimo. Niente da fare: bad vibes anche questa sera. L’esibizione è migliorata, ma sono ancora distanti dal minimo apprezzabile. Voto: 5.5

GIOVANNI TRUPPI – Tuo padre, mia madre, Lucia. Meglio, meglio. La canzone di Truppi suona più gradevole ascolto dopo ascolto. Peccato per lui che Sanremo duri appena cinque giorni. Voto: 6.5

NOEMI – Ti amo non lo so dire. Un buon finale per la terza lunga serata. Noemi è spigliata, più a suo agio rispetto alla prima serata e la canzone dà quel pizzico di energia che all’una e mezza non guasta affatto. Voto: 7

Stanno per scoccare le due – eh, i bei vecchi orari di Sanremo – e direi che possa bastare così. A domani, con la serata dedicata alla cover!

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022