Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Musica e Resurrezione

Roberta Flack @Lincoln Center

Roberta Flack. Un’icona d’altri tempi, qui a New York una leggenda. Amata per i live, i numerosi successi (Killing Me Softly with His Song) e per la scuola da lei fondata nel Bronx. Uno di quei posti in cui sopravvivere è la sola questione da risolvere. Un luogo in cui perdersi è facile come acquistare una lattina di Coca Cola: può accadere in ogni angolo.

Alcune settimane fa Roberta Flack ha tenuto uno straordinario concerto gratuito al Lincoln Center. Una folla scomposta, come cavalli proni poco prima della partenza, gremiva il Damrosch Park, un luogo affascinante, dal profilo rivoluzionario e qualche venatura borghese. Il cuore, popolare e nero, pulsava di bischeri di quartiere e signore in tenuta domenicale con berretto intonato; come a voler tingere di arancio, ocra, mirto e vermiglio la nera dignità di una provenienza, di un luogo: del Bronx. In scaletta, le canzoni più popolari, alcuni brani di George Harrison, una feroce critica al Governo degli Stati Uniti per le morti e il ruolo assunto durante il conflitto tra Israele e Palestina, una toccante No Woman No Cry; infine l’abbraccio intenso della sua gente.

Sapevo ben poco di Roberta Flack, della sua storia, quella radicata nella città di New York. Quando ho visto così tante persone vive e commosse stringersi intorno al palco, e molte venire da quell’orlo di terraferma lontano dai palazzi e da Wall Street; quando ho visto restituire un amore oltremisura, mi sono chiesta quanto quella donna al pianoforte, avanti negli anni, visibilmente scossa dall’onda emotiva sorta dal basso, sia riuscita a donare. Quanta vita abbia contribuito a salvaguardare, senza presunzione di cambiare il Mondo, ma con l’intenzione di fare il possibile perché si coltivi la speranza d’un cambiamento. Perché la musica sublima, trasforma ed eleva. Districa l’annodatura d’odio, rabbia e rancore che strozza le viscere. E in posti come il Bronx questo è il solo antidoto alla malacreanza, ai colpi di scure alla vita dell’illegalità. Tornano in mente luoghi simili, in Italia. Alcune zone del Bronx sono state risanate, altre restano schegge impazzite, ma se in quei luoghi qualcosa è stato possibile, questo è accaduto grazie a interventi di resurrezione simili a quello di Roberta Flack. Se è stato possibile, un grazie deve essere rivolto all’Arte e a chi produce Arte, alla Musica e a chi produce Musica, che percorre l’intera città come la consueta brezza. E di tutto questo New York – organismo in evoluzione, nuova per definizione – è cosciente. È cosciente di questo suo primo motore, di quel che genera: economia, bellezza, rinnovamento, crescita. Sono andata via con speranza, elettrica, a pancia piena, come se lo spirito affamato fosse infine sazio. Nessun sistema può essere ritenuto perfetto, la strada verso la democrazia – qualora questa sia mai stata applicata – cela insidie. Ma se qualcosa può motivare gli spiriti verso un futuro prospero di bellezza, che serbi in seno una cultura di pace, se qualcosa può donare frescura alle anime arse dalla sfrenatezza d’avere, questa è l’Arte.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024