Recensione allo spettacolo “Cinema Cielo”

di Danio Manfredini

Tutte le informazioni sullo spettacolo

500

Cinema Cielo esisteva realmente a Milano ed era un cinema per adulti da cui passava varia umanità sfortunata, emarginata e confinata in quel luogo. Danio Manfredini decide di raccontare questa sorta di mondo parallelo mostrandocelo per quello che era: una platea sgangherata, frequentata da persone solo parzialmente interessate ai film, che nei “cessi” del locale trovavano parziale soddisfazione ai loro impulsi ed alle loro necessità.

I sedili sono rivolti verso gli spettatori e si sta proiettando un film tratto da “Nostra Signora dei Fiori” di Jean Genet, i cui dialoghi sono in correlazione con ciò che accade in scena.

Lo spettacolo di Manfredini in generale è molto complesso, in un primo momento stordente e difficile da dipanare; le entrate e le uscite di scena sono continue e si affacciano sempre nuove figure. Tuttavia, dopo essersi rassegnati a non comprendere tutto, si capisce che probabilmente l’autore voleva rappresentare uno spaccato di realtà, in tutta la sua essenza caotica.

Davvero notevole in tal senso il coordinamento della regia e l’affiatamento dei quattro attori in scena che alternano le diverse maschere in maniera fluida, in un armonico tutt’uno che include manichini statici o in movimento. Altro aspetto fondamentale è quello del sonoro, delle già citate battute del film, ma anche delle musiche che sottolineano momenti importanti dello spettacolo e si rivolgono alla parte emotiva dello spettatore.

Quello che ne esce è un quadro fosco, piuttosto triste di questo microcosmo oscuro (come la platea di un cinema appunto), in cui la solitudine regna sovrana e viene maledetta. Le sporadiche battute di spirito presenti, spesso in dialetto milanese, non riescono a stemperare l’angoscia che alla fine l’opera ti lascia dentro.

Cultura

I vostri commenti all'articolo

1
  1. Katia Vinco

    Bel pezzo! Sei riuscito a farmi provare l’angoscia, anche senza averlo visto.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • A chi non è mai capitato di entrare in una libreria ed essere attratto da un libro senza capire ...
  • #LaSfida di UnderTrenta è aperta a tutti: autori e lettori. Leggi l'articolo e inviaci la tua ri ...
  • Ci sono tre tipi di persone. Quelli di sopra. Quelli di sotto. Quelli che cadono. Nel Hoyo “la ...
  • Un venerdì bolognese, una canzone di Francesco Guccini, una riflessione sulla fiducia. "Con che ...
  • Alla scoperta di una realtà sportiva trentina che dedica grande attenzione al mondo dei giovani. ...
  • “Ci vogliono possibilità, coraggio, determinazione e anche un pizzico di lucida follia per rei ...

martedì 14 Luglio 2020