Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Parole, parole, parole. Su “Il Terzo Reich” di Romeo Castellucci

A proposito dello spettacolo Il Terzo Reich di Romeo Castellucci, andato in scena al teatro Sanbapolis di Trento il 26 e il 27 gennaio, è necessaria una riflessione su un aspetto vitale, quotidiano: la lingua che parliamo tutti i giorni.

Funziona così: quando siamo piccoli impariamo a parlare la lingua che sentiamo intorno a noi, con tutti i difetti di pronuncia tipici di quell’età. Poi andiamo a scuola, dove la lingua diventa una prescrizione da seguire con devozione e scrupolosità, incastonata in una serie inamovibile di regole. E avanti così, tanto disinvolti nella vita privata quanto impauriti e bloccati quando tuttora ci troviamo davanti a un’e-mail delicata o al colloquio di lavoro a cui teniamo tanto.

Il fatto omesso e mai dichiarato è che la lingua è un fatto ambiguo. Cambia in base al contesto, agli interlocutori, allo stato d’animo, alla provenienza geografica, alla classe sociale, al periodo storico. Da una parte la serie di regole astratte che formano un codice comprensibile a tutti, dall’altra le nostre infinite, creative, goffe realizzazioni pratiche di quel codice.

Torniamo ora allo spettacolo Il Terzo Reich. Dopo una danza propizia, gli spettatori vedono una serie di parole proiettate, scritte bianche su sfondo nero, il buio in sala e un leggero incalzare di un suono martellante. All’inizio l’istinto porta a decifrare le parole alla ricerca di un senso, di qualcosa che concateni un significato all’altro. Ma lentamente questo istinto svanisce, il suono diventa quasi fastidioso, le parole vengono proiettate sempre più veloci, fino a rendere la lettura impossibile. Non rimane che farsi trascinare da questa scomoda sensazione di essere lì, forzati alla poltrona del teatro, senza possibilità di uscita e in attesa di una svolta. La quale, puntualmente, non arriva: il vortice di parole prosegue per quarantacinque minuti circa e all’improvviso si blocca, lasciando gli spettatori alla poltrona, titubanti.

Il messaggio è chiaro: lo spaesamento è il risultato della violenza del linguaggio che percepiamo ma non scegliamo, della dittatura del flusso di parole (da qui il titolo Il Terzo Reich) che ci viene inflitta ogni giorno, nei social, nelle nostre relazioni, nelle infinte riunioni di lavoro. Un tutto uguale che toglie spessore e significato, in cui la parola torna a essere semplice involucro vuoto, contenitore senza contenuto.

Bello, ma già visto e scontato. Se le arti visuali hanno avviato una prolifica ricerca sul tema della parola già da decenni (Joseph Kosuth, Maurizio Nannucci tra gli altri) e lungi dal pensare che l’arte debba avere solo intenti pedagogici, sarebbe buono capire cosa farsene di questo flusso di parole, come possono tornare ad avere un significato. Kafka diceva dei libri, ma vale anche per l’arte, che “devono essere un’ascia per rompere il mare di ghiaccio che è dentro di noi”. Dopo Il Terzo Reich la sensazione è che il ghiaccio dentro di noi sia rimasto intatto, la confusione del nostro presente e della sua lingua è solo confermata.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024