Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Luis Sepùlveda, quel mondo che mi insegnò a volare – Valentina Federica Zeni

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Era l’ormai lontano 1998 e in una sala del Cinema Modena di Trento mi innamorai. Avevo 7 anni e i miei nonni mi portarono a vedere “La gabbianella e il gatto”, il film di animazione tratto dall’omonima favola dello scrittore cileno Luis Sepúlveda.

Adorai questa pellicola e, quando mi regalarono il libro, ne fui rapita. Lo lessi tutto d’un fiato e fu l’inizio di un amore che sarebbe durato una vita intera. Un amore che mi avrebbe portato, durante una vacanza in Grecia, ad “adottare” un gatto nero e a chiamarlo Zorba.

Negli anni successivi, grazie a questo autore, mi tuffai nella storia e nello spirito sudamericano, viaggiai nel “mondo alla fine del mondo”, dall’Amazzonia alla Patagonia, dall’Europa alla Spagna. Scoprii quanto le parole potessero essere potenti e come il giornalismo potesse farsi letteratura. Parole semplici ed immagini chiare, tra politica ed ecologia, tra memoria e nostalgia, sempre contro al neoliberismo ed alla repressione, in un’eterna tensione verso la verità.

Raccontare Sepúlveda mettendo da parte i sentimenti è impossibile: la sua intera opera letteraria e la sua stessa vita sono intrise di passione, ideologie e coerenza, ma soprattutto dall’amore per la sua Terra, l’America Latina, e per la Natura.

Pochi giorni fa questo autore ci ha lasciato, stroncato da un virus invisibile contro cui ha combattuto la sua ultima battaglia.

La poetessa Carmen Yáñez, sua moglie, si è impegnata a riportare le sue ceneri in Patagonia, nel suo amato Cile, e a disperderle nell’Oceano Pacifico. A me piace immaginarlo, finalmente sereno, nel cielo dei poeti, mentre ride e scherza con Gabo e Pablo.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 4 Marzo 2024