Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Limitless

Nei primi anni del secolo scorso cominciò a farsi largo nella comunità scientifica un’ipotesi intrigante e suggestiva: le funzioni intellettive del cervello umano non sarebbero sfruttate appieno ma limitate al 20% del loro effettivo potenziale. Tale teoria, corroborata all’epoca da specifici studi ed esperimenti, è stata tempo dopo ampiamente smontata ma è riuscita, in ogni caso, ad animare il dibattito nelle cosiddette parascienze (le scienze del paranormale e dell’occulto) e a stuzzicare la curiosità di intellettuali e artisti che, tuttora, traggono ispirazione da essa per immaginare e descrivere un mondo oltre la realtà. Limitless, film del 2011 diretto da Neil Burger e basato sul romanzo Territori Oscuri (2001) di Alan Glynn, non solo si inserisce perfettamente in questo solco ma compie, per certi verso, un vero e proprio balzo in avanti nella messa in scena di un’opera che reinterpreta in chiave abbastanza originale il concetto stesso di società dell’informazione e si pone come metafora dei frenetici e asfissianti tempi moderni. Il protagonista, Eddie (interpretato da Bradley Cooper), è il looser per antonomasia: scrittore depresso, frustrato, separato, mollato dalla compagna per la sua inedia e pressato costantemente da un editore per la consegna del suo primo romanzo. Si trascina, con indolenza, nella vita di tutti i giorni alla ricerca di un’ispirazione che chissà se e quando arriverà, fino all’incontro casuale con il poco raccomandabile ex cognato: l’individuo, in ricordo dei bei tempi andati, gli consegna una dose di un farmaco sperimentale con la promessa che gli avrebbe cambiato la vita. l la Assunta la minuscola pillola trasparente, si riveleranno in pieno i suoi prodigi chimici. Il farmaco è, infatti, in grado di ampliare le capacità celebrali di un soggetto consentendogli di organizzare, connettere e gestire tutte le informazioni già in suo possesso in modo creativo, brillante e rapido. Sarà un gioco da ragazzi per Eddie, completare in pochi giorni il suo romanzo, far colpo sulla vicina con un saggio giuridico-filosofico, guadagnare una fortuna giocando in borsa sulla base di previsioni sempre azzeccate. Con la stessa facilità, però, scoprirà come non esista farmaco senza contro indicazioni: queste assumeranno la forma della temibile mafia russa, intenzionata a mettere le mani sulla scorta sempre più esigua di pillole rimaste all’ormai dipendente protagonista, e di un ambiguo socio in affari (interpretato da Robert De Niro). Una trama coinvolgente, con eventi a cascata che contribuiscono a mantenere alto il ritmo e destare attenzione, e una conclusione non troppo originale ma, in fondo, sperata. Una volta di più viene ribadito un assunto, valido oggi più che mai, che suona come un monito: l’informazione è il vero potere. E questa è tutt’altro che parascienza.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024