Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La vita che abbiamo paura di vivere

Wrecked: il libro di Jeff Goins

La vita che abbiamo paura di vivere

L’altra notte parlavo con una donna con un sacco di decisioni da prendere. Era nel tipico stato confusionale di chi si trova una matassa imbrogliata in mano e non sa da dove iniziare.

«Parti! Fai un viaggio!» Le ho detto.
E lei: «Si, ma…».

Niente di più fatale. Molti di quelli che hanno aspettato il momento giusto per partire non l’hanno mai fatto. I si-ma uccidono i sogni.

Ci sono tre motivi per viaggiare:

Uno. Viaggiando si impara a convivere col rischio. Il rischio di perdere l’ultimo autobus, di cercare per ore un posto dove dormire, di non capire quello che vi dicono perché il kazako non è proprio la vostra lingua madre. Troverete ogni volta una soluzione alternativa, un piano B. E al ritorno riconsidererete l’idea stessa del rischio. Non convivrete più con la paura di fare un passo senza avere la certezza che sia quello giusto.

Due. Imparerete la compassione. Nel Sud-Est asiatico vi scontrerete con il commercio degli schiavi, nell’Europa orientale riconoscerete i segni dei genocidi e delle persecuzioni religiose, ad Haiti “vomiterete” di fronte al peggior paternalismo occidentale. Il mondo, enorme e al tempo stesso infinitamente piccolo,vi sembrerà appeso ad un unico filo. Vi sentirete più vicini agli altri. E a voi stessi.

Tre. Mentre si è giovani si dovrebbe fare incetta di cultura, conoscere il mondo e le magnifiche persone che lo riempiono. Passeggiare intorno al Colosseo e osservare dal basso il David di Michelangelo; ammirare San Juan e le sue meravigliose spiagge. Potrete leggere tutti i libri del mondo sulla Muraglia cinese o sul Louvre, ma essere lì… beh essere lì è tutta un’altra storia!

E tutto questo sarà la premessa di una vita adulta meno povera e più aperta. Meno insicura e più consapevole della finitezza di certe noie quotidiane.

WRECKED è il libro sulla vita che abbiamo paura di vivere. Il libro della gente che è partita e ha raccontato il ritorno. È la storia di missionari, scrittori, imprenditori e altri viaggiatori meravigliosamente rovinati dal viaggio.

WRECKED, When a broken world slams into your comfortable life.

WRECKED, scritto in inglese. Una lingua che no, non si impara in 10 anni di scuola, ma in un mese in viaggio.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 2 Marzo 2024