Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“La scuola siede tra passato e futuro”: oggi a Trento l’ultimo atto dell’Agosto degasperiano con Vanessa Roghi

A trasformare un anonimo ragazzo di provincia in quell’Alcide De Gasperi che sarà poi tra i protagonisti della storia del Novecento sono state senza dubbio le sue scelte, le sue virtù, le sue capacità. Ma esplorando la sua biografia ci si rende conto che De Gasperi non sarebbe divenuto De Gasperi se non avesse incontrato sulla sua strada alcuni bravi maestri. Persone capaci di cogliere il suo potenziale e di aiutarlo a indirizzarlo verso traguardi importanti, di accendere in quel giovane nato a Pieve Tesino la scintilla che ne avrebbe fatto divampare l’esistenza, cambiando la sua vita e, indirettamente, quella di molti.

La Fondazione Trentina Alcide De Gasperi, nel suo impegno quotidiano a tenere viva la lezione dello statista, dedica oggi un’attenzione particolare al mondo della scuola: un impegno che l’ha portata nello scorso anno a incontrare oltre 14.000 studenti di ogni ordine e grado e a collaborare con decine di docenti per fare dell’ispirazione civile e democratica degasperiana uno strumento educativo a disposizione di tutti.

Così, nei giorni in cui prende il via un nuovo anno scolastico, anche l’appendice settembrina dell’Agosto degasperiano non poteva che essere dedicata al mondo della scuola. Dopo aver attraversato la Valsugana, la terra di De Gasperi, nei mesi di luglio e agosto, la rassegna arriva infatti per la prima volta a Trento dove oggi –  giovedì 15 settembre, alle 20.45 all’Auditorium del Conservatorio F.A. Bonporti – incontrerà Vanessa Roghi, autrice e storica della cultura, una delle massime studiose della lezione pedagogica dei grandi maestri del Novecento.

E proprio da uno di essi, don Lorenzo Milani, Vanessa Roghi prende il titolo del suo intervento: “La scuola siede tra passato e futuro (e deve averli presenti entrambi)”.

«La scuola siede fra passato e futuro – spiega Vanessa Roghi – perché i bambini, come diceva Gianni Rodari, vengono dal futuro, e non possiamo ignorarlo. Per stare con loro occorre guardare lontano e per farlo è importante salire sulle spalle dei giganti che ci hanno preceduto: il passato è per noi la grande lezione pedagogica e didattica di maestri come Mario Lodi, don Lorenzo Milani e, appunto, Gianni Rodari».

Cosa fa di un insegnante un “maestro”? Quale ruolo ha o potrebbe avere la scuola in una società che cambia rapidamente travolgendo modelli tradizionali e punti di riferimento generazionali? Intessendo passato e futuro, la lezione di Vanessa Roghi cerca risposte credibili a queste domande, ricordandoci la bellezza e l’importanza fondamentale del lavoro degli insegnanti e dell’incontro tra maestro e allievo: un incontro da cui, proprio come accadde a De Gasperi, può nascere quella scintilla che cambia la vita e accende il fuoco dei giovani. Il fuoco del futuro.

La serata sarà, ad ingresso libero, sarà allietata dagli intermezzi musicali degli allievi del Conservatorio F.A. Bonporti. L’evento è a ingresso libero con prenotazione consigliata fino ad esaurimento dei posti disponibili. È possibile effettuare la prenotazione esclusivamente online attraverso la piattaforma Eventbrite seguendo le indicazioni riportate sul sito della Fondazione www.degasperitn.it.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022