Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“La guerra non ha un volto di donna”

L'epopea delle donne sovietiche nella seconda guerra mondiale

URSS donne pilota

Operazione Barbarossa: è il 22 giugno 1941 quando le truppe tedesche invadono l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche. La loro avanzata travolge intere popolazioni, annienta villaggi e in pochi mesi penetra fin nel cuore della Russia, alle porte di Mosca.

Possiamo restare inerti? Possiamo restare a guardare mentre i nostri mariti, figli, padri e fratelli combattono e muoiono al fronte, mentre la nostra terra viene violata? Donne e ragazze partono, a migliaia si arruolano volontarie.

Svetlana Aleksievic, si spinge in tutto il territorio di quell’URSS per parlare con loro. Per parlare della guerra, ma non della guerra eroica dei vincitori e delle loro battaglie, luoghi, armate e generali: la “Grande Guerra Patriottica” è già abbondantemente descritta in troppi libri. Svetlana non vuole la guerra che conosce solo termini maschili: cerca un punto di vista femminile, vuole conoscere la guerra vista dagli occhi di quelle donne che l’hanno combattuta come aviatrici, genieri, cecchini, granatieri, autiste, radiotelegrafiste, infermiere, medici, assistenti sanitarie e ancora dissidenti, partigiane, staffette.

3485044-9788845281099

Le donne parlano e dopo anni di oblìo e dimenticanza hanno tanto da dire. Raccontano che sono partite per un ideale, per amore, perché avevano perso tutto, perché non potevano stare a guardare. Raccontano le fatiche, le trincee, gli scarponi pesanti a misura di uomo, le giubbe, le lunghe trecce tagliate, il peso dei fucili e dei corpi dei feriti da trascinare.

Raccontano di abbracci e di pane condiviso; di madri che, di fronte allo strazio di un figlio morto, hanno saputo piangere e battersi il petto per tutti quei figli seppelliti senza pianti di donne. Raccontano delle loro ferite, quelle visibili e quelle invisibili, scavate a fondo nell’anima; di ritorni alla “vita normale” duri e a volte disperati; di vergogna e umiliazione.

Queste donne spaventavano, mettevano in crisi un’idea consolidata, uno stereotipo forse, ma che era e troppo spesso rimane l’unica lente con cui sappiamo guardare la realtà, anche odierna. “Una donna che ha combattuto, sparato e ucciso, come può essere una buona madre?”. “Chissà che facevano tutte quelle donne negli accampamenti, forse le prostitute della truppa…”.

Quelle stesse donne rispettate al fronte, chiamate “sorelline”, decorate con medaglie e stelle al merito, mettevano in crisi un intero sistema: quello degli eroi che altri non erano che gli uomini che avevano curato, salvato da rottami in fiamme, trascinato per centinaia di metri sotto le bombe; quegli stessi uomini con cui avevano condiviso fame, paura, pidocchi e fango, lunghe marce a piedi, fin nel cuore della Germania, e l’alba radiosa del 9 maggio 1945: la grande vittoria.

E così per troppi lunghi anni, le donne hanno taciuto. Quello che Svetlana Aleksevic, Premio Nobel per la letteratura 2015, ci consegna è un testo corale, vivo, intenso e profondamente umano, capace di suscitare emozioni profonde e di dare nuova luce ad una realtà passata ma sempre attuale e vera.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024