Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il senso di una fine di Julian Barnes

Il senso di una fine di Julian Barnes

«La storia è quella certezza che prende consistenza là dove le imperfezioni della memoria incontrano le inadeguatezze della documentazione». Questa è una definizione arguta dell’immaginario Patrick Lagrange, pronunciata provocatoriamente da uno studente un po’ borioso che si inventa citazioni e personaggi durante una lezione di storia per dare un senso alla noia. La questione si complica quando la stessa affermazione diventa la chiave di lettura per l’interpretazione della vita e dei ricordi.
Ne Il senso di una fine il protagonista Tony Webster racconta la sua più o meno piatta esistenza a partire da quello che è sfuggito all’oblio, ma è anche una riflessione sull’influenza della memoria nella ricostruzione del passato, non (solo) quello generale bensì individuale.
«Viviamo nel tempo; il tempo ci forgia e ci contiene, eppure non ho mai avuto la sensazione di capirlo fino in fondo». Nella memoria i ricordi si mescolano alle interpretazioni filosofiche: è possibile distinguere ciò che è vero da ciò che immaginiamo di rammentare, ma di cui non abbiamo certezza perché alcuna documentazione può smentire la fallacia del ricordo? Così Tony prova a ricostruire un’adolescenza, il modo in cui si è evoluta la vita, gli amori, le difficoltà, le separazioni e tanto altro. La giustificazione del suicidio di Adrian è una delle imprese più ardue: chi compie il gesto ultimo può lasciare delle spiegazioni prima di compierlo, ma alla fine l’interpretazione è a discrezione di chi resta, che non può più fare domande.

Se volete rifuggire il dubbio questo libro non fa per voi: a tratti pecca di chiarezza narrativa e di un’infinità di digressioni. Se, invece, amate smarrirvi negli intrecci delle vite altrui, allora leggetelo. Non guadagnerete certezze, ma solo domande; e anche in quelle vi perderete, rincorrendo l’inquietudine del tempo che passa.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022