Il magico mondo di Salvador Dalí

Orientarsi nello stralunato mondo di Salvador Dalí non è facile. Ci sono però dei temi ricorrenti nelle sue opere: da qui nasce questo piccolo “prontuario” daliniano pensato per chi desidera scoprire un po’ più a fondo l’universo surrealista.

Gli orologi. L’orologio “sciolto” è probabilmente il simbolo più celebre dell’artista spagnolo. Rappresenta l’onnipresenza metafisica del tempo che divora sé stesso e tutto il resto, identificando il suo dominio sugli esseri umani. Si dice che l’ispirazione che ha portato a questa immagine sia giunta dal modo surreale in cui Dalí vide un pezzo di formaggio Camembert sciogliersi al sole.

Le uova. L’uovo è un motivo daliniano ideale, per via della sua dualità: la durezza dell’esterno e la morbidezza dell’interno. Dalí collega l’uovo alle immagini prenatali e all’universo intrauterino, rendendolo quindi simbolo sia di speranza sia di amore.

Le lumache. La lumaca occupa un posto importante nell’universo daliniano poiché è intimamente legata a un evento significativo della vita dell’artista: il suo incontro con Sigmund Freud. Poiché Dalí credeva che nulla gli accadesse semplicemente per caso, rimase affascinato quando vide una lumaca su una bicicletta fuori dalla casa di Freud. Come per l’uovo, anche il guscio duro e l’interno morbido delle lumache affascinavano Dalí e la geometria delle loro curve lo incantava.

I cassetti. I cassetti nascono da una teoria freudiana e rappresentano la sessualità nascosta delle donne. Tuttavia, poiché nelle opere di Dalí molti cassetti appaiono leggermente socchiusi, la sessualità femminile non è più un tabù da temere, bensì un universo da riscoprire e da valorizzare.

Gli elefanti. Gli elefanti di Dalí sono solitamente raffigurati con gambe molto lunghe, affusolate e quasi invisibili e portano oggetti sulla schiena. Rappresentano il futuro e sono simbolo di forza. Infatti, sono spesso raffigurati portando obelischi, icone di potere e di dominio.

Le formiche. Quando Dalí aveva cinque anni, vide un insetto che era stato mangiato dalle formiche e di cui non era rimasto nulla tranne il guscio. Le formiche sciamanti nelle immagini e nelle sculture dell’artista sono riferimenti alla morte e al decadimento e ricordano la mortalità umana e l’impermanenza. Si dice anche che rappresentino il desiderio sessuale travolgente.

Le stampelle. La stampella è una delle immagini più importanti. È prima di tutto un’ancora nel terreno del mondo reale, ma allo stesso tempo è simbolo di supporto spirituale oltre che fisico per l’inadeguatezza nella vita. La stampella rappresenta anche la tradizione, che sostiene i valori umani essenziali.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • COP26: la testimonianza della nostra collaboratrice Ilaria Bionda che, nell'ambito progetto "Vist ...
  • Orientarsi nello stralunato mondo di Salvador Dalì non è impresa facile. Ci sono però dei temi ...
  • Musica? Never enough! Per la nostra sezione Cultura vi raccontiamo la terza serata del contest "S ...
  • "Il sonno della scrittura genera mostri." Un'interessante riflessione sul fatto che "scrivere ben ...
  • Nel 1938 gli architetti razionalisti Giuseppe Terragni e Pietro Lingeri dedicavano a "La Commedia ...
  • Cosa si nasconde dietro la fenomenologia del rewatch, ovvero dietro quella voglia di rivedere ser ...

martedì 7 Dicembre 2021