Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il gusto del mangiare (con) arte

Prima dell’avvento di Internet il panorama gastronomico era segnato da grandi cuochi di riferimento, come l’Artusi. I loro mitici ricettari affiancavano una tradizione familiare di lunga data ed erano al contempo un’istituzione e una garanzia. Oggi, invece, tutti si presentano come chef o, quanto meno, food blogger. Basta accendere un computer e digitare poche parole chiave per avere accesso a un numero sterminato di proposte culinarie e relative indicazioni di cottura.
In tale mare magnum è difficile distinguersi per la qualità: se non si vuole passare inosservati, bisogna differenziarsi attraverso qualche dettaglio unico. Si rovescia allora la formula classica e si punta sul “buono, ma anche bello”; non conta più soltanto la bontà del gusto, ma si cura anche il piacere estetico. Emergono così dei creativi poliedrici, artisti non-cuochi capaci di coniugare mondi diversi in opere divertenti e accattivanti senza altro limite che la propria immaginazione.

I nordici sembrano farla da padroni nel campo delle (re)invenzioni basate sul cibo. Carl Kleiner, svedese, illustrò un catalogo di ricette per IKEA in maniera sorprendente, usando due sole fotografie a ricetta: la prima presenta gli ingredienti, disposti secondo design minimalistici e sinuosamente eleganti, mentre la seconda mostra la pietanza pronta e sistemata in modo tale da creare coreografie statiche altrettanto geometriche e raffinate. Non sarà facile eseguire la preparazione degli impasti, dato che manca la raffigurazione passo per passo, ma certo Hembakat är Bäst (letteralmente: Fatto in casa è meglio) è un libro che ha avuto un enorme – e meritato – successo.
La norvegese Ida Skivenes, invece, ha fatto dei suoi toast opere d’arte o, meglio, ha fatto di famose opere d’arte gustosi toast: la fetta di pane funge da tela, mentre i più svariati ingredienti riproducono le campiture, consentendo di riproporre a palati fini Frida Kahlo, Munch, Degas, Vermeer, Warhol, Magritte, Monet, Malevich, Dali, Man Ray, Klimt e via dicendo.

Skivenes-food-picasso

Non meno affascinanti sono le giocose raffigurazioni di Hong Yi, artista malese che usa un piatto bianco e ampio come sfondo per disegni gastronomico-artistici.

o-RED-HONG-YI-facebook Red-Hong-Yi-food-art-1

C’è poi chi, come Suu, si diverte a intagliare il cibo prima di ingerirlo e sfodera dragoni e revolver partendo da semplici banane. Neppure la persona più schizzinosa riuscirebbe a resistere di fronte a questi pezzi d’ingegno e precisione; giocare con il cibo, forse, non è sempre sbagliato.
Nonostante la fama della cucina italiana, mancano nomi peninsulari di rilievo nel campo dell’arte fattasi cibo. Arriveranno di sicuro, ma nel frattempo state tranquilli: noi della food art avevamo gettato le basi già nel Rinascimento. Giuseppe Arcimboldi aveva precorso i tempi con le sue nature morte reversibili e le celebri fisionomie tematiche, insieme burlesche e grottesche, create dal sapiente assemblaggio di fiori, frutta e ortaggi. Peccato si possano mangiare solo con gli occhi.

Leggi anche:
Se la Parodi sapesse…
Food lover di professione

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024