Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Il film girato a Trento su Chiara Lubich: quante cose ancora non sapevate di lei?

Siete passati per via Belenzani ad agosto e vi sembrava di essere in una città in guerra? Niente paura! Si tratta del regista Giacomo Campiotti e della sua nuova produzione, in uscita nelle sale in autunno, grazie ad una coproduzione Rai Fiction – Casanova Multimedia con il supporto della Film Commission e della Provincia di Trento.

Nomi importanti quindi, a cui si aggiungono le esperienze e le collaborazioni internazionali del curriculum del regista che nell’arco della sua carriera ha raggiunto molti riconoscimenti importarti.

Ma perché proprio Chiara Lubich? E soprattutto chi era questa donna? Il film la coglie nei suoi 23 anni, nel pieno della seconda guerra mondiale, impersonata dalla bravissima attrice Cristiana Capotondi. Lei è solo una ragazza, eppure inizia già a farsi sentire nel mondo. Appena convertita, cerca di realizzare, insieme alle persone che la seguono, un ideale di pace. Di lì a poco fonderà infatti il movimento dei Focolari, che oggi è presente in oltre 180 paesi con più di 2 milioni di aderenti. Stiamo quindi parlando di religione, fede, voto di castità, povertà e obbedienza? Sì, ma per meglio dire no.

Chiara Lubich, il cui nome di battesimo è Silvia Lubich, è stata una donna che ha fatto di tutto, fuorché cose prevedibili. Non è riuscita ad entrare all’Università, eppure ha ricevuto 16 lauree honoris causa nelle discipline più svariate. Ha fatto voto di castità, ma non ha mai indossato un abito da suora e non ha mai escluso il dialogo con altre religioni o culture dalla sua vita: cose straordinarie per l’epoca. Durante il bombardamento non lascia Trento, ma anzi si adopera per aiutare i poveri aumentati a dismisura a causa della guerra. Influenzate dal suo carisma e dalla sua forza, molte ragazze la seguono, ma non solo: Chiara Lubich diventa un punto di riferimento anche per uomini, soli o sposati, per persone atee o provenienti da fedi religiose diverse. La rete sociale creata da Chiara Lubich promuove l’unità e l’uguaglianza sotto ogni aspetto e senza nazionalismi.

Cosa c’è di più strano per l’epoca di una donna sola che promuove principi decisamente anomali, all’interno di un’istituzione, la Chiesa, che però non segue pedissequamente, ma anzi punta ad innovare? Precorre i tempi di almeno 25 anni ed infatti si attira critiche e indagini su di lei di non poco conto (dal 1951 al 1964 subisce il severo controllo del Ministero vaticano della dottrina). Come se non bastassero le sue idee “rivoluzionarie” elencate fino a qui, Chiara Lubich progetta un nuovo modello economico, chiamato “economia di comunione”. Esso consiste nel destinare il 30% degli utili di un’azienda a progetti solidali e a promuovere altre imprese in continenti svantaggiati o predati. Ad oggi ben 230 aziende mettono in pratica questo modello.

Lubich sosteneva che la patria altrui andasse amata come la propria e non sopportava che ci fossero quindi continenti sottosviluppati e depredati. La ferocia dell’accumulo nell’epoca del capitalismo non faceva che peggiorare questa situazione. Quindi si è adoperata per costruire ospedali in Cameroon ed in altre realtà povere, si è interessata ai conflitti dei paesi dell’Est e ha sviluppato progetti per tutte le categorie deboli, dagli orfani, ai giovani prossimi alle rivolte del ‘68.

Non si esagera, se si afferma che Chiara Lubich ha davvero tentato di rivoluzionare il mondo.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022