Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Faraway, so close

Stay (Faraway, so close!) è un brano degli U2 inserito nell’album Zooropa, ad oggi il più sperimentale e meno commerciale della band irlandese.

Siamo nel 1993 e il gruppo, dopo la consacrazione definitiva ottenuta con Achtung Baby (1991), è da mesi impegnato in un imponente ed estenuante tour mondiale, lo Zoo TV Tour. Ma l’ispirazione non può restare inespressa a lungo ed è per questo che, tappa dopo tappa, i quattro trovano ugualmente le energie per rientrare in studio a Dublino (con Flood e Brian Eno come produttori) e registrare: il risultato è un lavoro eclettico, solo apparentemente in contraddizione con quanto espresso in precedenza. A livello sonoro lo stile è più underground, minimal ed elettronico, distante dal rock a volte melodico, a volte graffiante, degli album precedenti. In realtà Zooropa rappresenta la prima fase di una parentesi creativa che porterà nel 1997 a Pop, album piuttosto distante per processo compositivo e sound generale da quanto realizzato fino ad allora.

A conferire ulteriore prestigio alla composizione è la sua inclusione nella colonna sonora del film Così lontano, così vicino! di Wim Wenders, sequel del maestoso Il cielo sopra Berlino (1987).


Apparizione speciale dell’ex Presidente URSS Gorbaciov.

Curiosamente la canzone era inizialmente intitolata Sinatra, perché ispirata al grande cantante americano. Quando però gli U2 scoprirono che Wenders era alla ricerca di un brano per il suo film, colpiti dalla vicenda poetica di un angelo che sceglie di diventare umano per provare gioie e dolori dell’esistenza in una Berlino post muro, rimisero mano al testo riuscendo a conquistare il favore del regista tedesco. E quando un film, già di per sé onirico e struggente, può contare sull’apporto di una soundtrack altrettanto potente e suggestiva, allora il cinema raggiunge un livello artistico superiore, in grado di coinvolgere lo spettatore a un livello sensoriale più ampio.

Il videoclip del brano, diretto dallo stesso Wenders, riprende passaggi e ambientazioni del film ma con i componenti del gruppo come protagonisti, fino ad un liberatorio epilogo. Da ricordare, infine, come il rapporto tra gli U2 e la cinematografia di Wenders ebbe modo di arricchirsi anni più tardi con il film The Million Dollar Hotel (1997) con Bono in qualità di autore della colonna sonora e della stessa sceneggiatura.

 

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 20 Luglio 2024