Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Eurovision Song Contest 2022: la parola all’esperto

Dal 10 al 14 maggio 2022 si è tenuta la 66esima edizione dell’Eurovision Song Contest al Pala Alpitour di Torino: quest’anno il compito di ospitare le tre serate di semifinali e finale è spettato infatti al nostro Paese, che ha scelto Laura Pausini, Alessandro Cattelan e Mika alla conduzione.

Abbiamo commentato l’evento con l’aiuto di Gianni Gatti, classe 1959, tastierista diplomato all’Istituto Musicale A. Vivaldi di Bolzano, speaker radiofonico nei primi anni ‘90 e tuttora membro di una band.

“La prima volta che rimasi colpito dall’Eurovision fu nel 1974, anno in cui vinse la Svezia con gli Abba. Da quel momento questa manifestazione ha iniziato ad assumere un’importanza sempre maggiore nel panorama musicale, fino all’anno scorso, quando, con la vittoria dei Maneskin, ha nuovamente fatto da trampolino di lancio per un’altra band che è diventata un fenomeno mondiale, arrivando a vendere 40 milioni di copie in un solo anno”, ci racconta.

Ma il festival non riguarda solo la musica: è prima di tutto un grande spettacolo, curato in ogni dettaglio, dalle coreografie alle scenografie, dai costumi al trucco. Anche l’edizione di quest’anno non è stata da meno: il palco è stato allestito con giochi d’acqua e di luci, le introduzioni a ogni performance venivano proiettate da un drone sulle bellezze architettoniche e paesaggistiche del nostro Paese, sono stati invitati esponenti importanti del panorama musicale italiano come Il Volo, la Pausini e Mika che hanno intrattenuto il pubblico con medley dei loro pezzi più conosciuti, e la finale si è aperta sullo sfondo di Piazza Vittorio, la più grande d’Europa, gremita di musicisti intenti a suonare i loro strumenti, in un grandioso colpo d’occhio.

“Quando si ha una grande platea televisiva, si è costretti a presentare le esibizioni in questo modo: si deve attirare e mantenere l’attenzione di tutto il pubblico, non solo quello presente fisicamente, ma anche quello a casa. C’è poi da sottolineare che non sono canzoni d’autore, ma principalmente musica leggera: l’Eurovision si può definire un festival internazional-popolare. Dopotutto in tre minuti queste canzoni devono convincere una giuria di qualità, una popolare e gli ascoltatori, mentre si è circondati da altri artisti che cercano di fare esattamente la stessa cosa. È una sfida difficilissima soprattutto per i Paesi dell’est Europa che non hanno una tradizione canora adatta ai festival, bensì più legata alla musica folkloristica, oppure a quella classica e sinfonica”, spiega Gianni.

Il forte legame con le proprie origini si è potuto notare soprattutto nelle esibizioni di Nadir Rustamli, il cantante dell’Azerbaigian, dotato di un timbro caldo e melodioso, e dei Zdob şi Zdub & Advahov Brothers, il gruppo moldavo, che ha portato un pezzo allegro e travolgente, simile ad una polka. “Altri invece hanno cercato delle contaminazioni esterne come l’estone Stefan, che aveva quasi una ballata country, e i rumeni WRS, che hanno proposto ritmi spagnoleggianti. Allo stesso tempo i Paesi nordici si rifanno agli Abba, che hanno creato un genere che è tuttora in grado di influenzare con le sue sonorità”, conclude Gianni.

Leggi la seconda parte dell’intervista.

 

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022