Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Circe: donna, maga, amante

La mitologia è un affare mica da poco, ci sono storie, intrecci, tradimenti, familicidi che a leggerli viene il capogiro!

Prendiamo il mito di Circe, ad esempio. La tradizione tramanda che sia figlia di Elios, Dio del Sole, e della ninfa Pesside, una delle Oceanine, potenti dee dell’Acqua e del Mare. E fin qui nulla degno di gran nota. A smuovere la situazione, ci pensò la sorella di Circe, Pasifae. Vi dice niente questo nome? Pasifae era la sposa del re di Creta, Minosse. Forse ora si è accesa qualche lampadina? Pasifae s’innamorò di un toro e diede alla luce il Minotauro, il mostro che fu rinchiuso in un labirinto e poi ucciso da Teseo.

Ve li immaginate gli dei dell’Olimpo dopo questo scoop? La moglie del re di Creta beccata con un toro! Tutti a mormorare e a puntare il dito! Eppure… De gustibus non est disputandum! Vaglielo a spiegare che ognuno ha le proprie preferenze in amore e che è doveroso rispettarle!

Con una sorella così, Circe non potè essere da meno: anche lei volle la sua parte di pettegolezzi divini! Quindi avvelenò senza troppi ripensamenti il marito, il re dei Sarmati, e si rifugiò sull’isola di Eea, nel promontorio laziale del Circeo, che dalla nostra sciupauomini prende appunto il nome. Cosa ci sarà andata a fare una donna che tutti descrivono come bellissima e con una voce irresistibile su un’isola deserta? A fare la padrona di casa! Ospitava i forestieri di passaggio e, dopo aver offerto loro il proprio talamo, li tramutava in porci.

Circe_Offering_the_Cup_to_Odysseus (1)

Un giorno, sull’isola approdò la ciurma di Ulisse: non illudiamoci che fossero marinai con il fascino di capitan Jack Sparrow, anzi! Erano sopravvissuti a terribili eventi: prima a Polifemo e poi ai Lastrigoni, i giganti cannibali che schiacciarono la flotta greca con dei grandi massi. Solo la nave di Ulisse e dei suoi uomini riuscì a fuggire, e li possiamo immaginare con le barbe ispide e i capelli lunghi, bruciati dal sole e provati dal sale e dai funesti eventi; più simili a orsi che a eroi insomma. Non a caso, quando giunsero presso la reggia di Circe, furono subito trasformati in porci.

L’unico a non essere toccato dalla maledizione della nostra maga fu Ulisse, aiutato dal consiglio divino di Ermes. Forse fu questo a farla innamorare: quell’uomo, che a guardarlo sembrava più un senzatetto che un re, era stato l’unico a non cadere nel suo tranello! Circe se ne innamorò, ma non fu mai del tutto ricambiata: certo, condivisero il talamo, ma si può solo per questo parlare d’amore?

L’eroe, in fondo, si affezionò alla dea. Quando i suoi compagni gli chiesero di salpare alla volta di Itaca, il figlio di Laerte apparve alquanto titubante e compì un gesto davvero inaspettato: chiese il permesso alla dea. E lei, seppur con riluttanza, lo lasciò andare! Forse si era stancata di quel gruppo di parassiti che mangiava, beveva e si divertiva a sue spese, o forse era informata sul futuro che avrebbe atteso Ulisse: essere ucciso da Telegono, figlio illegittimo della loro passione.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023