Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Camin. Una delicata brezza di pop d’autore

Francesco Camin nasce nel 1988. Cresciuto fra i monti del Trentino, trascorre gli anni degli studi universitari a Padova, dove si laurea in Scienze forestali e ambientali. Nel frattempo però, un’altra parallela formazione gli permette di correre sempre più velocemente lungo una strada ricca di soddisfazioni e nuove prospettive, quella della musica. Riavvolgiamo allora il nastro e ripercorriamolo traccia dopo traccia.
Già da bambino Camin non sa separarsi dalla sua vecchia chitarra, con cui si diverte intrattenendo amici e parenti. Le prime esperienze al seguito di alcuni gruppi locali iniziano con l’adolescenza e lo portano a prendere confidenza con il palco in occasione di feste e sagre. Passione e dedizione scolpiscono nel tempo una personalità artistica sempre più matura: la composizione di musica propria e le esibizioni come solista diventano così per lui esigenze naturali.
Nel 2011, il diploma come compositore al Centro Europeo di Toscolano −la scuola di Mogol− è un riconoscimento delle capacità e del lavoro svolto, ma anticipa nello stesso tempo gli sviluppi successivi.
Con le sue performance si distingue a livello regionale e nazionale in occasione di rilevanti festival come UploadSound, TourMusicFest, VarTalent; la svolta arriva però nell’estate del 2013, con la vittoria in qualità di nuova proposta del Premio Lunezia, uno dei principali in Italia. La canzone incoronata rimane ancora oggi quella che più lo rappresenta, l’accattivante Vorrei vivere sopra gli alberi, scelta anche per il suo primo video musicale ufficiale. In quell’occasione, il produttore Michele Mondella decide di accoglierlo fra gli artisti della propria agenzia, una collaborazione che inevitabilmente stimola nuovi brani e progetti.

Alla fine di quel felice 2013, Francesco partecipa con il pezzo Scarpe strette alla fase finale delle selezioni per il Festival di Sanremo, con l’obiettivo di esordire sul palcoscenico del teatro Ariston nella categoria “Giovani”. Il traguardo viene solo sfiorato, ma l’esperienza costituisce senza dubbio un motivo di ulteriore appagamento nel cammino intrapreso.

L’uscita del primo album si concretizza a giugno 2015, con Aria fresca, una raccolta di canzoni che vuole riassumere un positivo capitolo nella carriera del giovane cantautore. Ma una nuova fase è già avviata, con la lunga tournée al fianco del veneto Dodicianni, collega tutt’altro che sconosciuto nel panorama musicale nazionale. Insomma, una brezza di raffinato pop d’autore sta soffiando nel mondo della musica leggera, con il dichiarato intento di offrirci una delicata e gradevole ventata rinfrescante.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023