Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

“Beautiful Boy”

Affrontare la tematica della droga nei film e nei libri non è affatto semplice. Generalmente siamo abituati a fruire racconti introspettivi da parte di chi vive questa dipendenza, ma pochi film riescono ad entrare nello stato d’animo delle persone che vengono toccate indirettamente da queste situazioni.

Beautiful boy (2018) è un film drammatico e biografico tratto dall’omonimo libro di David Sheff: l’autore racconta il tentativo disperato di aiutare suo figlio Nic Sheff ad uscire dal terribile tunnel della tossicodipendenza. Nic è un ragazzo intelligente, di buona famiglia, cresciuto con tutto l’amore del padre che si è risposato con un’altra donna. Il “bellissimo ragazzo” inizia a sperimentare la droga fin dall’adolescenza, prima facendo uso di sostanze leggere per poi finire nel baratro della metanfetamina e dell’eroina. Nic vorrebbe davvero venire fuori da questo tunnel, ma non ci riesce e tutto questo genera un’enorme sofferenza nel padre che fa di tutto per poterlo aiutare.

L’interpretazione straordinaria di Steve Carell e Timothée Chalamet, la musica e le parole arrivano dritte allo stomaco facendo percepire il dolore drammatico che solo un padre disperato può provare. La musica piena di rabbia e potenza sostituisce spesso i dialoghi suscitando nello spettatore emozioni diverse, dalla rabbia alla tristezza, dall’angoscia alla speranza di un lieto fine che sembra irraggiungibile.  Le vicende sono alternate a ricordi: il padre cerca di ripercorrere l’infanzia del figlio quasi per trovare una motivazione a tutto, come se volesse cercare nei frammenti della sua mente qualche errore commesso.Al centro di questo film c’è una delle cose più importanti: il legame e il rapporto tra un padre e un figlio che non si spezza mai, nonostante le difficoltà.

Un film da guardare e da sentire, un film che arriva allo stomaco, una “lunga agonia” che tutti i ragazzi dovrebbero guardare, perché solo cambiando prospettiva si può comprendere che alcune scelte non sono mai solo nostre, ma ricadono con una potenza incredibile anche su tutti coloro che abbiamo attorno.

Un film del genere mi porta ad una riflessione. Nella società di oggi abbiamo tutto e subito ma spesso mancano le cose più importanti: il dialogo, lo stare insieme, l’affetto. Molti giovani si perdono, privi di interessi, di passioni, di amore per loro stessi, privi di attenzione da parte di genitori che pensano sempre più alla carriera. Il passo verso l’uscita dalla “stupida realtà”, considerata così da Nicolas Sheff, nella sua brama di sentirsi vivo e nel suo tentativo disperato di provare quel qualcosa di più che la vita reale non riesce a dargli diventa una ricerca smisurata del niente, una fuga dalla realtà inutile e fugace. Solo una cosa riesce ad aiutare Nic a non mollare: l’amore. È incredibile come un sentimento che esiste ovunque, che si sente ma non si vede, possa fare miracoli anche dove scompare ogni speranza, anche al limite tra la vita e la morte, anche quando sembra che non ci sia alcuna via d’uscita.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022