Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

33 parole per lo spettacolo “Sorry, boys”

A teatro

Sorry, boys di e con Marta Cuscunà

«Marta Cuscunà prosegue nel suo progetto artistico sulle sulle “resistenze femminili” partendo dal presupposto che i generi sessuali sono in stretta e reciproca  interdipendenza. Lo spunto le viene da una “storia disturbante”, quella di diciotto ragazze di una scuola superiore americana, tutte under 16, che nel 2008 rimasero incinte contemporaneamente. E in quell’anno il numero delle ragazze madri della scuola risultò quattro volte superiore alla norma. Sorry, boys punta lo sguardo sul sistema-ospite in cui questa storia è nata e si chiede quale sia il contesto sociale adulto in cui questo progetto virale di maternità abbia potuto attecchire. Chi sono i giovani padri e perché non vengono considerati adatti a prendere parte al patto? E come stanno oggi i giovani maschi? Che uomini adulti si preparano a diventare? Qual’è il modello di mascolinità in cui si riconoscono e a cui aspirano? Perché, se è vero che una società sbilanciata al maschile inevitabilmente li favorisce, non è altrettanto scontato che quello stesso modello permetta loro di essere uomini felici. Uomini felici. Forse è anche di questo che hanno bisogno le donne.»

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E chi l’ha visto cosa dice? Lasciamo la parola ai nostri Trentatré spettatori:

«È strano sviluppare empatia per una maschera!», dice K. ed io annuisco. Eppure sto uscendo da teatro e mi pare di esser stata davanti alla tivi.
Laura Tabarelli (33 Trentini in 33 parole)

La storia è narrata dai volti dei genitori e dei ragazzi, trofei umani alle pareti di un salotto immaginario. Le vere protagoniste, le ragazze incinte, sono invece presenti-assenti fra le parole di una chat. Il resto è un viaggio ipnotico lasciato allo spettatore, che è chiamato a riempire gli spazi visivi e concettuali. Sorprendente mise-en-scène da parte di una giovane e versatilissima artista.
Katia Vinco (33 Trentini in 33 parole)

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024