Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Donne, corpo, arte

«La maggior parte delle donne ha dei problemi con il proprio corpo ed io non sono immune da questo», dice Chapin. «Ci è stato ripetutamente detto che i nostri corpi dovrebbero essere di una certa altezza, di una certa proporzione, di un certo peso. Ma le immagini che vediamo intorno a noi ogni giorno sono completamente irrealistiche; sono molto photoshopped».
Aleah Chapin è un’artista americana nata a Seattle l’11 marzo 1986. Mentre stava completando il suo percorso di studi post-laurea nel 2012, ha partecipato al concorso annuale di ritrattistica BP Portrait Award della London National Portrait Gallery, battendo oltre duemila agguerriti talenti. A farle vincere il premio è stato Auntie (zia), un nudo di signora di mezza età. La ricompensa è stata di 25.000 sterline − più 4.000 per la commissione sul dipinto − ed è stato immediatamente aggiunto alla collezione della stessa National Gallery.

1foto aleah chapin auntie “Auntie” by Aleah Chapin

Chapin è la prima artista americana femminile a vincere il premio.
Ha dipinto ad olio le donne della sua zona, utilizzando delle foto come fonti. Ha descritto il suo dipinto vincente come una mappa del viaggio attraverso la vita della protagonista ritratta, «una personificazione della sua forza attraverso una presenza incustodita e accettata». La sua abile tecnica pittorica lascia intravvedere gli studi compiuti alla New York Academy of Art. I suoi nudi iperrealisti non piacciono però a tutti.
Molti hanno espresso infatti fastidio e disagio dinnanzi alle sue donne così autentiche, preferendo lo standard tipico della società dello spettacolo, fatto di corpi perfetti ritoccati con Photoshop. Sebbene avesse raggiunto quasi i 10mila like, nel 2014 gli amministratori di Facebook le hanno chiuso la pagina per “violazione degli standard della comunità”, considerando i suoi nudi troppo espliciti.
L’età, le smagliature, la cellulite, le rughe, la stessa pelle raccontano una storia e la gioia contagiosa che spesso accomuna le donne ritratte. Le caratteristiche fisiche di queste ultime, unite alla loro evidente fragilità e delicatezza, mettono in evidenza quanto gli stereotipi contemporanei siano lontani dalla vita reale.
Daniel Maidman, che ha recensito la mostra del 2013 alla Flowers Gallery per l’Huffington Post, ha definito Steps − un lavoro della Chapin del 2012 − il più ambizioso dipinto mai realizzato dall’artista fino ad allora, per la sua capacità di esprimere una fiducia in sé nella fase iniziale del concepimento dell’opera d’arte, simile a quella manifestata da Rubens. Un altro critico però, Brian Sewell, ha invece definito il pezzo che ha vinto la BP di Londra «una repellente…. e grottesca… cartella clinica». Nonostante questo, Aleah Chapin è considerata, con mio estremo piacere, la rivelazione della pittura mondiale.

Cultura
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023