Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Visioni d’Europa: “Alle porte dell’UE: migrazioni, istituzioni e diritti”

Migrazioni alle porte dell’Unione Europea, diritti dei migranti e diritto degli Stati sono tra i temi più caldi nelle cronache dell’ultima decade. E hanno rappresentato l’argomento di discussione del quarto webinar del progetto “Visioni d’Europa 2020”, promosso dalla Fondazione Trentina Alcide De Gasperi e dall’ufficio Politiche giovanili del Comune di Trento.

Protagonista dell’incontro in diretta online è stato Simone Penasa – assistente professore di Diritto costituzionale comparato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento – che ha sensibilizzato i circa 40 spettatori di tutte le età sul tema dell’immigrazione verso l’Unione Europea in chiave giuridica, ma non solo.

«Sul tema dell’immigrazione in Unione Europea c’è bisogno di fare un bagno di realismo» è una delle prime frasi pronunciate dal professor Penasa, il quale ha sottolineato: «I numeri contano, ma conta anche e soprattutto la percezione che i cittadini hanno del fenomeno. Questo spiega la direzione presa da certe politiche nazionali». Difatti, uno studio dell’Eurobarometro svolto sui cittadini dell’UE ha riportato che in media una persona su due pensa che ci siano più immigrati irregolari che regolari (28%), o che più o meno si equivalgano (18%). Nel caso specifico dell’Italia, il 16% crede che siano di più i regolari (secondo dato più basso in Europa) e il 47% che siano di più gli irregolari (secondo dato più alto). Inoltre, gli italiani credono che gli immigrati sul territorio siano il 25%, mentre in realtà sono poco più di un quarto, il 7%. «E ciò – ha detto Penasa – è dovuto all’esperienza mediatica».

Immigrati e stranieri… «Ma di quali stranieri stiamo parlando?» con questa domanda il professore è entrato nel vivo del discorso. Le istituzioni dell’Unione Europea e gli Stati sono determinanti nella qualificazione giuridica degli stranieri, il cui destino cambia a seconda dello status giuridico che viene loro riconosciuto. «Il confine europeo diventa un punto d’incontro tra identità statale e vita personale, momento topico per decidere della vita delle persone, ma è anche spesso punto di scontro tra regole statali e garanzie per la persona che arriva». Gli esempi di violazione del diritto alla richiesta di asilo sono molteplici, e tra il 1990 e il 2017 sono stati costruiti 15 muri, che, così come la politica dei “porti chiusi”, sono modi di esprimere fisicamente distanza dalla volontà di garantire i diritti di cui sopra. Ma allora verso che direzione bisognerebbe andare? «La soluzione primaria sarebbe eliminare la regola del primo Paese d’arrivo. È difficile, perché significherebbe sottolineare una vera e propria appartenenza europea e perché proprio l’immigrazione è il punto nevralgico dello scontro tra le spinte integrazioniste dell’UE e quelle sovraniste degli Stati». Il tema è spinoso, soprattutto a fronte di visioni diametralmente opposte tra i diversi attori coinvolti. Ma, probabilmente, solo cooperando se ne potrà uscire.

Il prossimo webinar del ciclo “Visioni d’Europa 2020” intitolato “La governance economica dell’UE ai tempi del Next Generation Eu” avrà come ospite Andrea Fracasso e sarà trasmesso oggi pomeriggio (venerdì 2 ottobre) alle 17.

Gabriel Marciano

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 6 Dicembre 2022