Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Uniti anche se divisi o divisi anche profondamente?

Questa situazione ci sta unendo davvero o siamo comunque un insieme di persone egoiste e disunite? In quanti se lo stanno chiedendo in questi giorni? In un momento storico in cui c’è poca integrazione, poca volontà di collaborare e ognuno pensa al proprio orticello accade che con il Coronavirus si è costretti a cercare un’identità di gruppo. C’è una netta divisione tra chi rimane a casa, rispettando la legge e cercando in tutti i modi di farla rispettare anche agli altri e chi, sottovalutando la cosa, vive questo momento come una prigionia esagerata. I primi si sbizzarriscono sui social arrabbiandosi con chi se ne frega della situazione, i secondi camminano nei boschi, vedono parenti o amici di nascosto e trovano scuse per fare passeggiate, un po’ come quando marinavamo la scuola, soddisfatti di averla fatta franca.

L’egoismo profondo è soltanto di chi non rispetta la legge o anche degli altri? Potremmo porre la stessa domanda in questo modo: “Siamo più spaventati dal prendere il virus o dal diffonderlo?” Se la risposta è la prima, siamo ancora profondamente egoisti. Ci importa solo della nostra salute e quindi siamo uniti solo perché ci fa comodo, perché se non fosse così saremmo in giro a camminare come l’altra categoria di persone. Se la risposta è la seconda stiamo facendo un grande passo per l’umanità.

Allargando il punto di vista,  viene da chiedersi anche quanto siamo “uniti” con il resto del mondo e perchè, dal momento che stiamo vivendo tutti la stessa situazione, ogni stato adotti soluzioni diverse. Se non ci allineiamo tutti non c’è forse il rischio di uscire da questa situazione troppo tardi o, peggio ancora, trasformare il virus in qualcosa di ancora più tremendo?

Tornando alla sfera individuale, il Covid19 sta “unendo” forzatamente anche coppie e famiglie e questa unione obbligata implica risvolti sia positivi che negativi. Stando ai dati, oltre la metà delle persone si ritiene insoddisfatta ed esausta della situazione. C’è chi non sa più cosa far fare ai figli, chi è alle prese con i compiti, chi non sa come passare il tempo e, per le coppie già un po’ in crisi, questa forzatura potrebbe trasformarsi in uno spartiacque.

Forse il punto è che non siamo più abituati ad avere tutto questo tempo a disposizione, senza mille impegni e motivi per uscire di casa, senza la vita è frenetica che ci porta spesso a rispondere ad un “come va?” con un veloce “bene, sempre di corsa”. E’ in questo momento che ci rendiamo conto di tutto quello che abbiamo… e non abbiamo. Ci rendiamo conto di tutto quello che ci manca e di quello che non ci soddisfa.

E dunque, cosa ne sarà della nostra società una volta usciti da tutto questo? Saremo più uniti o più divisi? Io credo che inizialmente saremo più uniti per “rifarci” di tutto il tempo perso ma poi, con il passare del tempo, torneremo inevitabilmente alle nostre “antiche” divisioni.

Ora come ora siamo in un vortice e non sappiamo come ne usciremo. L’unica certezza è che, in questi giorni, il nostro “essere uniti” potrebbe indirizzare positivamente il nostro futuro prossimo e le nostre esistenze.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 7 Dicembre 2022