Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Siamo pari: Diritto di voto, ieri e oggi

Riflessioni sulla parità di genere nel work camp “Oltre(passare) le mura”

Come mai dopo secoli di lotte non siamo ancora del tutto consapevoli dell’importanza di un dovere morale quale è il diritto di voto?

Come la storia ci ha insegnato, il suffragio universale è l’espressione massima di un potere che passa attraverso il popolo e, in quanto tale, dovremmo rivendicarlo e/o “farne buon uso”, poiché questo disinteresse comune sta trasformando la nostra democrazia in una democratura.

Non è casuale che tale diritto fu guadagnato proprio il 2 giugno del 1946 , giorno in cui tutta la popolazione italiana, donne e uomini compresi, fu chiamata a scegliere tra Repubblica e monarchia, all’indomani di una ventennale dittatura e di un terribile conflitto bellico. In quella data tutta la popolazione accorse ai seggi per esercitare, finalmente, il proprio pieno diritto di voto.

b

Paradossalmente oggi che sono trascorsi più di settant’anni da tale data, è sempre più diffusa la pratica dell’astensionismo. La gente, ad oggi, non crede più nel potere del proprio voto, sminuendo così il volere di quella che è stata una delle più grandi conquiste del genere umano.

Siamo pertanto sicuri che il rifiuto di questo diritto potrebbe essere l’inizio una repressione dei diritti ottenuti dai cittadini nel corso dei secoli e potrebbe portare, in un futuro prossimo, a decisioni estreme dei poteri forti.

 

Tommaso e Martina

 

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 24 Giugno 2024