Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Siamo Europa Festival: “Il futuro dell’Europa comincia dall’Ucraina”

Sabato 14 maggio, durante l’evento “Il futuro dell’Europa comincia dall’Ucraina” – ultimo appuntamento del festival “Siamo Europa” – sono intervenuti Gianni Bonvicini, studioso di politica estera e consigliere scientifico dello IAI, e Nona Mikhelidze, responsabile di ricerca IAI.

I loro interventi, interessanti e ricchi di spunti di riflessione, si sono rivelati utili per fornire una visione più ampia in merito alle criticità, per quanto riguarda l’opinione pubblica in relazione ai media, in particolar modo televisivi.

Dopo un accurato resoconto sulla situazione attuale della guerra tra Russia e Ucraina, l’intervento si è incentrato sul rapporto tra la Russia e il Donbass. In primo luogo si è spiegato che spesso l’opinione pubblica, erroneamente, parte dal presupposto che la strategia corretta per fermare la guerra sia che l’Ucraina ceda parte dei suoi territori alla Russia. Così facendo, però, non si considerano diversi aspetti sociopolitici, come ad esempio il fatto che questa cessione inciderebbe concretamente sulla vita degli abitanti di quelle terre e che i Russi, nella regione del Donbass, rappresentano solo una minoranza del popolo.

Successivamente, si è parlato degli aiuti che l’Europa e gli Stati Uniti d’America hanno dato all’Ucraina e dell’eventuale entrata di quest’ultima nell’Unione Europea. Questi argomenti hanno suscitato varie riflessioni, legate all’importanza dei requisiti richiesti dall’UE ad un qualsiasi stato che voglia aggregarsi all’Unione Europea e i vantaggi economici e politici che l’UE avrebbe con una maggior collaborazione tra stati. Ad esempio, si è parlato di come un unico esercito europeo permetterebbe di ottimizzare i costi attraverso una migliore gestione delle risorse a disposizione.

Infine, si è discusso sulla strumentalizzazione della guerra da parte dei politici e sulle difficoltà che la stampa ha mostrato di avere nel raccontare questa guerra.

Per quanto riguarda il primo punto, si è sottolineata l’importanza, per i giovani universitari, di frequentare corsi internazionali che trattano di geopolitica, in quanto la società necessita di gente che conosca questa disciplina e che sappia approfondire le relazioni internazionali.

Per il secondo aspetto, invece, i relatori si sono incentrati sulle dinamiche talk show, in cui spesso si mettono in primo piano le opinioni dei partecipanti, lasciando sullo sfondo la vera sostanza delle notizie. Si è mostrato come queste trasmissioni televisive suscitino nel pubblico forti emozioni legate alla guerra rinunciando, però, a ciò che serve davvero agli ascoltatori: un sano dibattito costruttivo, basato su una descrizione accurata dei fatti che accadono nel mondo.

Partecipare al festival “Siamo Europa” è stata un’occasione per scoprire le diverse dinamiche che caratterizzano l’Unione Europea sia dal punto di vista sociale, che organizzativo. Nella speranza di un domani migliore sia per l’Ucraina che per l’UE, attendiamo con impazienza la sua prossima edizione, per partecipare alle prossime conferenze e approfondire ulteriormente ogni aspetto di questa istituzione.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024