Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Quando il freddo ci salva

Quando il freddo ci salva

Riscaldamento dell’Oceano Artico, aumento delle piogge autunnali, passaggio di correnti gelide da Nord e subtropicali da Sud. Ecco un’anticipazione sul clima che dovremmo sopportare noi e i nostri successori di Nord America ed Europa se la Calotta Artica continuerà a sciogliersi. Per adesso – dicono gli esperti – la riduzione è di circa il 9% ogni 10 anni e, nonostante le variazioni annuali, l’andamento generale non promette bene. A essere colpito non sarà solo il clima: rischiano di cambiare flora e fauna delle aree limitrofe, pesca, agricoltura e perfino i trasporti, perché la rottura dei ghiacciai aprirà nuove strade marine.

Il WEF (World Economic Forum) si occuperà del problema durante l’annuale Meeting di Davos-Klosters (Svizzera) nel gennaio 2014, che ha lo scopo di «sviluppare intuizioni, iniziative e azioni necessarie per rispondere alle sfide attuali ed emergenti» nel mondo. Inoltre dal 1996 è stato istituito un Concilio Artico ufficiale composto dalle comunità artiche indigene e otto membri fissi: Canada, Danimarca (incluse Groenlandia e Isole Faroe), Finlandia, Islanda, Norvegia, Federazione Russa, Svezia, USA. Si impegnano tutto l’anno per proteggere lo sviluppo ambientale dell’Artico, dove si affacciano. Tra le iniziative: ridurre i fattori inquinanti, aiutare gli abitanti del luogo a gestire il territorio, fare controlli periodici e garantire aiuto anche internazionale.

Quest’estate, dopo un 2012 molto caldo, la zona artica ha toccato temperature più basse, ma in alcune aree la concentrazione di ghiaccio è minore del 70%, oltre alla questione dello spessore sempre più sottile. Per sensibilizzare al problema il 15 settembre si è svolto l’Ice Ride in vari Paesi d’Europa (in Italia a Bari, Catania, Milano, Napoli, Roma, Verona), organizzato da Greenpeace: una pedalata in maglietta bianca per ricordare il colore dei ghiacci e della purezza, in opposizione al nero del petrolio e delle sostanze emesse con le trivellazioni, che aumentano il riscaldamento della Calotta.
Mentre ci lamentiamo delle mezze stagioni, un intero emisfero cerca di ripararci la testa.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 2 Marzo 2024