Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Lavoro e Salute: verso un connubio migliore

Immaginatevi questa situazione: vi state dirigendo verso il vostro posto di lavoro, magari brontolando perché in quel momento desiderereste essere ancora al caldo sotto le coperte, e un tale vi ferma per chiedervi: “Che cos’è, secondo te, la salute?”. Trattenendo l’istinto di mandarlo a quel paese per avervi parlato prima del vostro secondo caffè, probabilmente gli rispondereste: “Quando mi sento in forma”, “quando non ho l’influenza”, o qualcosa di simile. Non proprio. O almeno, non solo.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, nella propria Costituzione, descrive la salute come “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non esclusivamente come l’assenza di malattia o infermità”.

Facciamo un passo indietro. Lo scenario che vi ho chiesto di immaginare prevedeva che steste andando al lavoro, e non ho scelto per caso questa impostazione. Il lavoro è un aspetto fondamentale per la vita dell’individuo, tanto che nella maggior parte dei casi esso occupa metà o più del suo tempo, e quando la persona è senza lavoro si sente inutile, indegna, non all’altezza delle proprie e delle altrui aspettative. Ciò che ignoriamo è che anche gli occupati possono arrivare a provare queste sensazioni.

Nell’Accordo quadro europeo del 2004, lo stress lavoro-correlato (Slc) viene definito come “una condizione che può essere accompagnata da disturbi o disfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale ed è conseguenza del fatto che taluni individui non si sentono in grado di corrispondere alle richieste o alle aspettative riposte in loro”. Infatti, i lavoratori affetti da stress lavoro-correlato sono più soggetti non solo allo sviluppo di uno stile di vita dannoso (come tabagismo e alcolismo), ma anche all’aggressività e all’isolamento, all’ansia e alla depressione, a infortuni gravi e persino mortali.

Sia il legislatore europeo sia quello italiano si sono attivati per predisporre strumenti per individuare preventivamente e porre rimedio alle situazioni di rischio, fra le quali troviamo turni che superano le 8 ore e mal retribuiti, contesti lavorativi privi di rispetto e di comunicazione, nonché un’organizzazione del lavoro che non offre soddisfazione e prospettive di crescita.

Sfortunatamente, gli strumenti oggi a disposizione non sono sempre adeguati a far fronte a queste situazioni critiche. Ciò nonostante, dopo lo scoppio della pandemia le persone hanno iniziato a fare più attenzione alla propria salute e a come questa sia influenzata, tra le tante cose, dal proprio lavoro.

Questo ha portato un’ondata di dimissioni da posizioni insoddisfacenti in favore di condizioni lavorative, e conseguentemente di vita, più dignitose. In conclusione, l’invito non è quello di licenziarvi alla prima difficoltà, ma di tenere sempre presente che lavoro e salute (a 360 gradi) sono interconnessi, ed entrambi sono diritti irrinunciabili. E di non fare l’errore di sentirvi sbagliati.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

mercoledì 1 Febbraio 2023