Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La rivincita del “noi”

rivincita noi banner

Il “tutti a casa” ha trasformato la supremazia dell’”io”, incontrastata fino a due mesi fa, in una struggente nostalgia del “noi”, prodotta proprio dal distanziamento sociale. Fino al “prima corona virus” l’individualismo spinto dominava la nostra vita ad ogni livello. Sul lavoro i colleghi, da un ufficio all’altro, si scambiavano regolarmente email anziché fare dieci passi per parlarsi personalmente; nei rapporti interpersonali eravamo esposti ad un bombardamento incessante di messaggini e avvisi vari, per cui anche parlarsi al telefono era una rarità. Per non dire di internet, dove il protagonismo individuale trovava nella rete un mare di amici il cui numero faceva status, ma di cui i conosciuti personalmente erano una minima parte. Si potrebbe continuare con la crescita dei single, delle separazioni coniugali, delle solitudini acute e con i mille altri indicatori dell’individualismo, spesso rissoso, che fino a ieri ha fatto da padrone.

A distanza di poco più di due mesi ritenere che quel tempo sia ormai passato, è evidentemente azzardato. Tuttavia la situazione costretta in cui ci siamo trovati a vivere ha introdotto sensibilità, attenzioni, anche nostalgie, del tutto nuove. La necessità di stare distanti ha rimesso al centro l’importanza del rapporto personale, di quella socialità espressiva e partecipe che solo la presenza fisica e comunicativa riesce a generare. Così il “noi” è riemerso dalle nebbie in cui era stato confinato, facendo rimpiangere i dieci passi che non si sono fatti, l’invito a pranzo sostituito dalla foto del piatto del giorno, l’abbraccio sublimato in una teoria di cuoricini, il guardarsi negli occhi senza sconfinare nell’Iphone.

Con il ritorno alla normalità, confidiamo non troppo lontana, chissà se gli effetti psicologici del distanziamento si scioglieranno come neve al sole o se lasceranno tracce più durature. Comunque vada, è ragionevole ritenere che “proprio come prima” nulla ritornerà. Uno stacco che potrà far bene alla qualità delle relazioni interpersonali e ai tratti che le connotano. E questo sia nei modi più tradizionali, perché la potenza coinvolgente di un abbraccio difficilmente potrà essere sostituita da un omologo virtuale, ma anche nei rapporti via internet o cellulare.

Un tempo si scrivevano le lettere, i più raffinati usando la stilografica anziché la più banale penna a biro. Oggi è molto più facile comunicare con email o sms ricchi di parole abbreviate e corredati di faccine varie. Se a questi nuovi modi di comunicare, che sono oggi la nostra realtà, riuscissimo a dare un po’ del senso che investivamo nelle vecchie lettere all’amico o alla fidanzata, non cambierebbe certo il mondo, ma il calore e i significati del nostro esprimerci probabilmente sì.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

giovedì 8 Dicembre 2022