Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La memoria di una panchina rossa

Il rosso è il colore della vita.

Sangue, passione, rabbia. Il rosso è amore.

Fuoco che consuma e riaccende costantemente il proprio ardore.

Il rosso è debito, vergogna, furore.

Il rosso è paura, avvertimento.

Il segnale che ci costringe a frenare e ad arrestarci.

Un colore dai mille significati. Un colore che racchiude in sé un intrinseco senso di potere, predominanza o sottomissione che sia.

Un colore simbolo di infanzia e di ingenuità che si veste di irrequietezza, attrazione e forza.

E così, anche una panchina può farsi portatrice di significati più profondi. Una panchina rossa come il sangue, l’amore e il pudore.

Una panchina che dà origine a una riflessione e che, come di fronte ad un semaforo, ci impone di rallentare fino a fermarci mettendoci davanti ad uno stop contrassegnato dalla parola “NO”.

Il progetto “panchine rosse” nasce nel 2014 a Torino con l’intento di avviare una sensibilizzazione a trecentosessanta gradi sul tema del femminicidio e della violenza contro le donne. Un’iniziativa nata a partire dagli Stati Generali delle Donne e ampliata successivamente a livello territoriale fino a raggiungere il maggior numero possibile di comuni, associazioni, scuole e imprese. Colorare non dico tutte, ma almeno una delle ordinarie panchine che popolano le città di rosso in segno di rispetto e omaggio contro tutte le donne vittime di violenza.

La panchina assume un nuovo status e la materia si impregna di significato. L’effimera funzione oggettuale viene ricoperta da una mano di colore rosso diventando un simbolo architettonico. La panchina si trasforma in un monito tangibile, visibile e permanente il cui unico obiettivo è quello di farsi notare. Le panchine tinte di rosso invadono piazze, strade e parchi, si confondono tra le persone per poi riemergere in un colpo d’occhio difficile da dimenticare. Una panchina vuota che imprime un ricordo indelebile. Una donna invisibile è lì, seduta su quella panchina rossa come il colore che emana: amore, dolore, fuoco, coraggio, forza, sangue.

Il ricordo di una presenza che si rivela assenza di una e di quella donna invisibile il cui vuoto è ormai impossibile colmare. “Panchine rosse” è un progetto dedicato a tutte le donne che su quella panchina si sono già sedute macchiandola del loro stesso colore: mamme, mogli, amiche e figlie. Un invito ad alzare la testa e a dire “no” alla violenza con la stessa urgenza che solo il colore rosso è in grado di evocare. Un monito a fermarsi e a trasformare in volti tutti i vuoti che su quelle panchine si sono soffermati incidendo la loro firma.

Un filo rosso che oggi – Giornata Interazionale della violenza contro le donne – vi invito ad afferrare e stringere. Per non dimenticare.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

martedì 31 Gennaio 2023