Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La competenza e la preparazione hanno ancora valore?

Lo sviluppo di un territorio, o di un popolo, è sempre più connesso positivamente ad un fattore chiave: la qualità delle risorse umane. Si tratta di un dato ormai acquisito, confermato da innumerevoli studi e ricerche. In particolare in un’epoca come la nostra, dove l’innovazione scientifica e tecnologica, inscindibilmente combinata con la globalizzazione dei rapporti, accelera in modo esponenziale i processi di trasformazione della società e dell’economia, possedere un bagaglio appropriato di conoscenze e di competenze è un fattore sempre più importante. Lo è per i territori: basti pensare che i livelli di sviluppo delle regioni italiane, ma l’osservazione è generalizzabile, non dipendono tanto da ragioni geografiche o dimensionali, ma dalla quantità e dalla qualità delle persone istruite e acculturate di cui dispongono. E lo è ancora di più per i singoli, di ogni età, che su queste dotazioni giocano le migliori chances di successo e di autorealizzazione personale e professionale.

Per queste ragioni la qualità del sistema formativo, dai gradi più bassi a quelli più elevati, assume un valore primario ad ogni livello, individuale e socio-economico. Questo se guardiamo la questione con l’occhio della statistica. Un occhio oggettivo, ma inadatto a cogliere le situazioni nella loro singolarità, nel vissuto individuale, soprattutto dei giovani. E il riferimento non è, in prima battuta, a quelli che per merito, fortuna o status famigliare il lavoro lo hanno trovato subito e soddisfacente, o quasi. Accanto a questi, che con sforzi più o meno gravosi sono arrivati ad una meta, ve ne sono altri per cui il lavoro è ancora un desiderio, se non proprio un miraggio. Per questi l’enfasi sul valore dell’istruzione e della competenza risulterà meno scontato, o meno soddisfacente. Ed è qui che uno sforzo di tenuta psicologica, un di più di impegno creativo, lo spunto giusto delle politiche pubbliche, possono fare la differenza.

In conclusione, che si parli del destino dei singoli, o delle prospettive di sviluppo di un territorio, disporre di un elevato e qualificato livello di istruzione e di formazione è e rimane la principale garanzia di successo. È ovvio, come già accennato, che se parliamo con un giovane laureato che fatica a trovare lavoro, la percezione potrà apparire diversa: le difficoltà e l’impazienza avranno una evidenza imperiosa. Tuttavia i problemi oggettivi del mondo di oggi non saranno certo eliminati da una buona preparazione, ma senza una buona preparazione è improbabile che le difficoltà del vivere e del lavorare, alla lunga si riducano, anzi.

Una buona preparazione professionale è ancora il migliore biglietto da visita per affrontare il lavoro? Oppure sono preferibili scelte che portano più rapidamente a trovare un’occupazione e una fonte di reddito? La cultura, il sapere, la preparazione servono anche a migliorare la vita, o paradossalmente la complicano?

#LaSfida di UnderTrenta è aperta a tutti: autori e lettori. Inviaci la tua riflessione! Sfida accettata?

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 19 Aprile 2024