Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Impotenti, disinteressati, complici

Da una parte c’è Hamas – il partito, la milizia palestinese, la resistenza, il gruppo terroristico, insomma, Hamas – che attacca Israele, senza intaccarlo. Dall’altra c’è Israele che si difende, invadendo, devastando e sfollando la Striscia di Gaza. La paradossale offensiva di difesa israeliana dura ormai da due settimane. Il bollettino delle vittime palestinesi sale a 583 morti e a più di 3.600 feriti. Israele conta invece 35 decessi, tutti soldati uccisi in combattimento. Dal canto suo Hamas continua a lanciare razzi contro Tel Aviv, i quali però puntualmente vengono fatti esplodere in aria dal sistema anti-missile.
E qui ci siamo noi. Noi che stiamo seduti nel nostro orticello e sentiamo l’eco di quei missili e di quelle grida. E non sappiamo nemmeno per chi parteggiare – o se lo sappiamo, non lo diciamo: è vergognoso sostenere chi promette di voler sterminare l’intera popolazione israeliana, e parimenti ignobile è appoggiare chi dichiara di non voler uccidere nessuno, proprio mentre si accinge a farne fuori mezzo migliaio. È una guerra, è squilibrata, con due ragioni e con milioni di torti. È una guerra, anche se da una parte la chiamano resistenza e dall’altra protezione preventiva.
E allora si invoca il “cessate il fuoco”. Lo ha chiesto alle autorità israeliane il nostro Ministro degli Esteri Federica Mogherini, flebilmente, da madre, come ha detto lei. L’ha sollecitato Obama, l’ha domandato l’Onu. La richiesta unanime viene rivolta implicitamente a Israele, perché con gli altri non si parla. È come se l’Occidente fosse un professore davanti a due bambini che si picchiano: uno grosso, ricco e prepotente, l’altro mingherlino, povero e canaglia; un professore che però parla solo a quello messo bene. Al magrolino, non un rimprovero, né una dritta o una via d’uscita. Lui sembra esistere solo perché viene picchiato dal grassottello.
È un umanitarismo miope e un po’ deviato, quello dei governi occidentali. Basti pensare alle parole del Segretario di Stato americano John Kerry che, pur annunciando 47 milioni di dollari di aiuti umanitari ai civili di Gaza, ha definito «appropriato e legittimo» lo sforzo difensivo di Israele. Il che equivale a dare dei cerotti alla canaglia sanguinante strizzando però l’occhio al bulletto del corridoio.
Non ci sono soluzioni pronte: nessuna delle due parti desidera o prevede una riappacificazione. E senza la volontà contemporanea e duratura di entrambi i fronti, non può esistere una vera tregua, e tanto meno una pace. Restano quindi solamente oceani di discorsi buttati al vento, tutti superficialmente uguali, ma abbastanza dissimili uno dall’altro per non fare la minima differenza. Se il messaggio lanciato dalla nostra Mogherini è impotente, quasi ingenuo e fin troppo materno nella sua vacuità, le parole di Kerry suonano semplicemente complici. E noi? Noi ce ne stiamo zitti, chini sul nostro orto.

Leggi anche:
La guerra dei lecca-lecca

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

lunedì 26 Febbraio 2024