Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Dalla costa opposta

Dalla costa opposta

Il 16 settembre 2013 il mondo intero aveva gli occhi puntati sull’Isola del Giglio e sulla nave da crociera tristemente famosa, sulla costa italiana opposta avveniva un piccolo miracolo.

A Roseto degli Abruzzi (Teramo), dopo circa un secolo di totale assenza, sono comparse sulla spiaggia 18 tartarughine marine. I bagnanti presenti sono rimasti sbalorditi dallo spettacolo inaspettato: sono emersi dalla sabbia esseri verdi e corazzati che hanno subito preso la via del mare. Anche il WWF è rimasto stupito: la deposizione delle uova e la successiva salvaguardia della zona sono sfuggite alla supervisione di tutti gli enti preposti. Madre Natura ha magistralmente protetto i preziosi nidi da ombrelloni e castelli di sabbia.

Il giorno in cui l’Uomo gira una grande nave con italica destrezza, la Natura (senza alcun bombardamento mediatico) persevera nel far girare la vita (Ivana Spagna docet).

 

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024