Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Col chiodo o desnudi, tutti calmi

Dovremmo essere tutti più incazzati. Ce lo dicono i talk-show perché, si sa, la collera fa audience. Lo ha detto uno degli istigatori per eccellenza, il Santoro di Servizio Pubblico, riprendendo la Marcia degli incazzati di Benigni: fanculo tutti i politici, ma fanculo anche noi perché, parole sue, «ho passato così tanta parte della mia vita a farvi incazzare che vedervi incazzati alla boia mi fa incazzare». Insomma, non siamo nemmeno capaci di inalberarci come si deve. Ce lo dicono i leader alla ricerca del voto di protesta: lo grida forsennatamente Grillo, che dopo aver fatto il pieno con la bile degli italiani, sta demolendo a forza di editti tutto quello che di utile il suo movimento poteva apportare; lo dice Salvini, che con la sua onnipresente presenza felpata raccoglie i consensi dei delusi, anche dei meridionali, quelli che a Pontida proprio lui definiva ‘puzzoni’. E lo diciamo anche noi, cercando forse di delegare ad altri la nostra parte di acredine.

Sta di fatto che invece restiamo calmi, quasi indifferenti. Come se avessimo perso fiducia non solo nella politica, ma anche nella nostra rabbia, che del resto è uno dei principali movimenti intestinali che avvicinano il cittadino al seggio elettorale. Ci siamo forse accorti che affidare il nostro prezioso voto all’arrabbiato di turno – più sbraita più è duro e puro – non è poi un grande affare. C’è poi da dire, a mo’ di giustificazione, che siamo assuefatti ad ogni bruttura. Questa settimana infatti ci sarebbero sufficienti capi d’accusa per mettere alla gogna gran parte dell’Amministrazione pubblica italiana: Transparency International piazza l’Italia al primo posto tra i Paesi dell’UE per corruzione. Con un tempismo micidiale, il dato è stato confermato concretamente poche ore dopo con una trentina di arresti a Roma, dove tutto d’un colpo si è scoperto che i 3 chilometri dello Stretto di Messina non potranno più essere un alibi per dire che nei palazzi dello Stivale la mafia non c’è.

L’intero 2014 è stato poi un anno tragicamente succoso, dove gli scandali – MOSE ed Expo 2015 in primis – non si sono fatti mancare, come croccantini da inzuppare nel minestrone già di per sé indigesto che è l’Italia della crisi. Si potrebbe dunque supporre che la nostra irrazionale tranquillità apparente, questo caos calmo alla Veronesi, sia dovuta ad una cieca fiducia per un futuro migliore, affidato magari alle mani di una rinnovata classe politica che spazzi via corruzione e degrado. Ma a chi vorremmo dare il timone della nostra nave malconcia? Se lo domanda anche il settimanale Oggi, affiancando alla domanda «affidereste l’Italia a quest’uomo?» l’immagine di un Salvini nudo, di verde incravattato e troppo poco coperto da candide lenzuola, un’inguardabile connubio tra un tronista e un Mussolini a petto nudo che trebbia il grano. Come se la corsa verso Palazzo Chigi fosse ormai una sciatta battaglia a suon di copertine imbarazzanti (vedi il Renzi-Fonzie dell’anno scorso). Tutti calmi, sì?

Corruzione-590

 

Leggi anche:
Caro politico corrotto

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

sabato 2 Marzo 2024