Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Chi svuota le carceri, chi le ammoderna e chi le subappalta

carcere-sovraffollamento

Stesso problema, soluzioni contrarie. In Italia, come in Norvegia, c’è un problema di sovraffollamento nelle carceri. Il sistema carcerario italiano è stato tacciato dalla Corte Europea dei diritti dell’uomo di essere disumano, mentre quello norvegese è stato incoronato dal Times come quello più umano nel mondo. Entrambe però si ritrovano sul groppone qualche migliaio di detenuti in eccesso. Le carceri italiane dovrebbero ospitare meno di 50mila detenuti, e invece ne accolgono 54.200 – il che è sicuramente meglio di quanto avveniva l’anno scorso, quando il numero totale era di 64.835. Queste cifre hanno costretto il Governo italiano ad approvare il decreto “svuotacarceri”: eliminazione laddove possibile della custodia cautelare, risarcimenti temporali o monetari ai reclusi in condizioni disumane, benefici per gli under 25. Insomma, per migliorare la vita in carcere si è scelto di mandare dietro le sbarre il minor numero di persone possibile.

Dall’altra parte c’è la Norvegia. Lì la questione del sovraffollamento è in gran parte dovuta al processo di ammodernamento delle strutture penitenziarie: non c’è posto perché stanno ristrutturando o costruendo un nuovo carcere, una situazione transitoria. 
Da noi non c’è posto perché non c’è posto, e basta
. Invece di ampliare le carceri, noi cerchiamo di svuotarle un po’, o di riempirle meno, il che equivale almeno in parte a dire che le pene emesse hanno un valore relativo, da rapportare alla metratura delle nostre strutture penitenziarie.

Ma torniamo alla Norvegia: lì, nelle carceri più lussuose del mondo, con finestre, bagni privati, televisori – perfino saune e campi da tennis, nella struttura a bassa sicurezza di Oslo – si registra uno dei tassi di recidività più bassi al mondo.

Non sarà mica che i norvegesi hanno capito che prendere un criminale e trattarlo come un uomo è meglio che trattarlo come un animale? Che abbiano compreso che incattivire una persona – la quale già una volta ha commesso un reato – non sia esattamente il fine di una sistema di detenzione e rieducazione?

Sta di fatto che la soluzione al sovraffollamento carcerario norvegese è stata quella di domandare all’Olanda di ospitare alcune centinaia dei propri detenuti. Non sarebbe una prima volta per le carceri olandesi, che hanno già accettato 550 detenuti belgi. Anzi, per il sistema penitenziario olandese sarebbe un toccasana: se in Italia e in Norvegia c’è carenza di spazio, in Olanda ce n’è in eccesso,  rendendo superflua la presenza di molte strutture detentive. Non solo: accettando la proposta norvegese, come ha affermato il Ministro della Giustizia olandese Fred Teeven, si potrebbero salvare 700 posti di lavoro.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 19 Aprile 2024