Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Alla ricerca del punto perduto

Alla ricerca del punto perduto

Forse ho scelto un titolo un po’ troppo altisonante per parlare di qualcosa di piccolo come un punto.
Chissà fino a che punto arriveremo. Chissà quale può essere il nostro punto d’appoggio. Chissà da quale punto ripartiremo. Sono solo alcune delle infinite domande possibili a proposito di punti.
Siamo una generazione incerta, fino a che punto così profondamente differente dalle precedenti probabilmente non potremo dirlo mai. Quanto differente da se stessa, nemmeno. Siamo pieni di punti: interrogativi, soprattutto, ma non solo… Per non parlare di quelli di sospensione, sembra che facciano a gara a rincorrersi uno dietro l’altro, con una certa costanza. Mentre i punti esclamativi ci urlano addosso.
Da che punto bisogna iniziare per cercare di trovare una soluzione? Ammesso e non concesso che ce ne sia una unica e definitiva, forse bisognerebbe proprio partire dal restituire il valore giusto ai punti che ci circondano.
Qualcuno ha detto una volta che può esser sufficiente un punto d’appoggio per sollevare il mondo.
Immaginate un mondo in cui il punto esclamativo comporta coraggio ma non sfora nella rabbia delle urla. In cui il punto interrogativo non è il segno di una crisi, ma il lecito dubbio che accompagna ogni scelta. Immaginate un mondo in cui i puntini di sospensione siano la preparazione ad un letto di bellezza, un po’ gli assomigliano…
La forza di un precario è la forza di chi ad ogni punto ha la possibilità di andare a capo.
Di chi sceglie di andare a capo.
Punto e a capo. La gioia del cominciamento, il nostro punto di leva.

Attualità
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...
  • A volte basta un bagno per rinascere, per cancellare stress, ansia e preoccupazioni. Scarpe como ...
  • Far dialogare tra loro i diversi popoli, superando le diversità linguistiche, con l’ambizione ...
  • "So Farewell, Yellow Brick Road". Mani sui tasti del pianoforte a coda e via, pronto a suonare ...
  • Fake news, perchè ci caschiamo ancora? La risposta è semplice, è il nostro cervello ad "ingann ...
  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...

giovedì 29 Settembre 2022