Sulle rotte del commercio e del dialogo: storia del legame tra l’Europa e l’Italia

 

Sulle rotte di artisti e mercanti lungo i valichi alpini è il titolo del Convegno incentrato sui legami di natura culturale, economica, commerciale che accomunano le regioni dell’arco alpino, con il passo del Brennero, la Valle dell’Isarco e dell’Adige, vero crogiolo di incontri, scambi e punti di riferimento per le vie di comunicazione fra l’Italia e l’Europa.

 
La regione del Trentino Alto-Adige, da sempre terra di confine e di dialogo con la cultura mitteleuropea, risulta porsi come un’area di passaggio e sbocco fondamentale per lo scambio di merci e culture fin dal XV secolo, quale punto di riferimento ideale per la creazione di nuovi legami attraverso il filo conduttore dello scambio e della comunicazione, un tema quanto mai attuale.

 

uni

La natura culturale, la volontà di far conoscere e di tenere vivi questi legami, che sembrano aver perso terreno negli ultimi tempi, si è esplicata attraverso gli interventi di studiosi e specialisti qualificati, che si sono avvicendati sul tema in tre diverse sedi, a Trento e a Bolzano, nel mese di ottobre: dalla storia economica alla letteratura, dalla musica all’arte, il seminario ha raggiunto l‘obiettivo di stimolare nuove riflessioni e proporre dialoghi inediti sulle “vie dei Saperi” e sulla trasmissione di una conoscenza che possiamo definire multidisciplinare.

 
In qualità di uditrice e partecipante, posso dire che gli obiettivi sopra riportati sono stati pienamente raggiunti: soprattutto oggi, favorire la comunicazione e lo scambio tra culture, regioni e paesi, attraverso l’organizzazione di eventi come questi, permette di stimolare una coscienza critica e maturare una maggiore consapevolezza; offre un cambio di prospettiva e la possibilità di vivere un’esperienza personale di arricchimento, necessaria anche ai fini di una lettura dei “tempi moderni”.

 
La responsabilità scientifica di questo seminario, svoltosi nelle giornate del 18-20 ottobre, si deve a Lucia Longo Endres, professore associato dell’Università degli studi di Trento: è stato organizzato dal Dipartimento di Lettere e Filosofia in collaborazione con il Dipartimento di Economia dell’Università degli studi di Trento e realizzato grazie al sostegno della Regione Autonoma del Trentino-Alto Adige, del Comune di San Michele all’Adige, della Camera di Commercio di Bolzano e del Consorzio BIM dell’Adige.

 

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Oggi raccontiamo lo "Strike" di Nicolle Boroni, 28 anni, che racconta di sé per parlare a tutti ...
  • È in libreria “UnderTrenta 2020. Souvenir di un anno x”, venerdì 19 febbraio alle ore 18:00 ...
  • Una chiacchierata con la giovane scrittrice trentina Alice Presa, in arte Alice Wood, che che ci ...
  • Cosa c’è di più interessante, di più vero, di più vivo della realtà? In ogni suo film Clin ...
  • Così, tra peccatori e vizi smart, non ci resta che aspettare, pazienti, di uscire finalmente a r ...
  • Intervista a Chiara Orempuller, giovane di Trento che ha scelto di raccontare con un documentario ...

giovedì 25 Febbraio 2021