Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Una commedia tra i banchi

Da insegnante, non capirò mai i miei alunni. E sono consapevole che i miei alunni non capiranno mai me come insegnante. Dirò di più. È possibile che in classe si riesca ad arrivare a una certa sintonia d’anime, ma solo tra persone. Mi spiego: io come persona posso farmi carico dei problemi, delle gioie e dei dolori di un mio studente o di una mia studentessa, ma solo dimenticando di avere di fronte un mio studente o una mia studentessa. E un mio studente o una mia studentessa possono aprirsi con me, rivelandomi problemi, gioie e dolori, solo dimenticando di avere di fronte un insegnante. Il loro insegnante.

Se manca questa sospensione del dubbio, una sintesi tra insegnanti e studenti credo sia impossibile. I ruoli che la società e la storia hanno imposto alle due parti sono troppo distanti. Siamo antagonisti l’uno per l’altro. Un insegnante è tutti gli insegnanti prima di lui – di tutti i tempi e di tutti i luoghi – e il suo compito è quello di bacchettare, redarguire, ammonire e riprendere con una certa spocchia chi ha di fronte a sé, cioè studenti e studentesse. Uno studente o una studentessa sono tutti gli studenti e tutte le studentesse prima di loro – di tutti i tempi e di tutti i luoghi – e il loro compito è quello di ribellarsi, opporsi, sbertucciare e non ascoltare mai (ma proprio mai, eh, in nessuna circostanza) chi hanno di fronte a sé, cioè l’insegnante. Sono le maschere di una tragedia scritta eoni fa, nella quale non sono ammesse modifiche.

Una volta accettate le regole del gioco, chi cerca di sfuggire ai meccanismi di questa catena prima del tempo (cioè, prima dei tre o dei cinque anni) generalmente non fa una bella fine. L’insegnante viene bollato con una smorfia di superiorità come rivoluzionario e questa etichetta assume fin da subito una sfumatura assolutamente negativa. Lo studente o la studentessa, invece, sono i cocchi, i secchioni, i leccapiedi, eccetera eccetera sulla stessa linea. Quasi come se cercare una collaborazione (tregua?) tra due parti che devono convivere almeno trenta ore a settimana, trentacinque settimane all’anno, sia deplorevole, un peccato da espiare immediatamente: “Sì, è stato un errore di gioventù, sai, l’inesperienza. Ma ora sono diverso, giuro”.

Forse ho esagerato, ma sono convinto che la scuola segua troppo spesso questa direzione. I “rivoluzionari” o i “leccapiedi” sono troppo pochi, troppo isolati. Vengono segnati a dito. È un ambiente spesso asfittico e come tale rischia di fare più danni che altro. I mesi di pandemia e di conseguente didattica a distanza sono stati per alcuni il colpo di grazia. E a settembre ricomincerà la scuola (si spera) in presenza. Non può essere come prima, dodici mesi di DAD non possono essere passati invano. “Uscirne migliori” è (era?) il mantra. Non so, non credo. Ma vale quantomeno la pena tentare di trasformare quella tragedia in una commedia.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022