Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Se è una festa, lo sia anche per il pianeta!

Foto di Luca Upper, Unsplash

Al matrimonio di una cara amica. La giornata è splendida, il sole abbraccia la piazza del paese, ovunque felicità ed eccitazione. La sposa e lo sposo finalmente escono raggianti dalla Chiesa tenendosi per mano, tra applausi, gridolini e chicchi di riso. Ed ecco che a coronare il momento salgono al cielo decine e decine di palloncini bianchi, liberi e romanticamente sospinti dalla brezza primaverile… Sembra tutto bellissimo, vero? Beh, non per chi partecipa ai festeggiamenti conservando un minimo di consapevolezza su ciò a cui sta realmente assistendo: un abbandono deliberato di rifiuti nell’ambiente.

Che lo si dimentichi “per comodo” o involontariamente, i palloncini sono per la maggior parte ancora di plastica, e “plastica” uguale “inquinamento”. Potrebbe sembrare una banalità sottolinearlo, ma di fronte a certe scene – il discorso vale per i palloncini come per altri festosi gadget come i cuoricini metallizzati o coriandoli non biodegradabili lanciati in giro per feste, compleanni e celebrazioni varie – sorge il legittimo dubbio che molte persone non abbiano ancora assorbito questo semplice concetto. O che non sappiano che prima o poi, che lo si voglia accettare o meno, l’innocuo palloncino inizierà a perdere vigore, calerà lentamente o esploderà all’improvviso, depositando a terra la sua triste sagoma sgonfia. A farne le spese saranno le terre, i fiumi e i mari che ne accoglieranno le spoglie.

Perché sì, i palloncini non si dissolveranno magicamente nell’aria, né tantomeno proseguono in eterno il loro poetico volo – cosa che peraltro sarebbe comunque assai problematica – ma si depositano irrimediabilmente al suolo, dividendosi in pezzetti sempre più piccoli, fino a diventare microplastiche.

Ora, è vero che in un pianeta ancora dominato dai materiali sintetici – pensate che la produzione di plastica annua è aumentata, dal 1950 al 2019, da 2 a 460 milioni di tonnellate – certo non si può addossare tutta la responsabilità ai palloncini liberati ai matrimoni. Ma perché l’idea di gettare una bottiglietta di plastica vuota a terra ci stringe il cuore, mentre rilasciare decine di palloncini nell’aria non ci tange minimamente?

In Trentino, dal 2021 il rilascio di palloncini nell’aria in occasione di eventi, feste e manifestazioni è esplicitamente vietato su tutto il territorio provinciale. A prescindere dalle leggi, certo importanti, forse è comunque arrivato il momento di fare uno sforzo in più, di compiere piccole-grandi scelte individuali e consapevoli che possono significare molto. Se è una festa, che festeggino tutti, pianeta compreso! Perché non celebrare piantando un albero, ad esempio, gesto poetico e gentile che fa del bene a tutti e resta nel tempo? Non per niente, è soprattutto l’amore che vogliamo sopravviva negli anni, giusto? Di certo non i pericolosi brandelli di plastica sfuggiti ai dissennati festeggiamenti del matrimonio.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022