Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Provare a conoscersi, ogni giorno

Ida voleva volare

dariusz-klimczak-creative-photography4

Capita spesso di sentirsi smarriti, mentre si procede a tentoni nei labirintici corridoi della vita.
Vorremmo una forza costante che ci sorreggesse in qualunque occasione. Senza sofferenza, sacrificio, dubbi.
Ma in questo tentativo di barattare la sensibilità personale con l’accettazione dall’esterno, ci siamo persi qualcosa: la nostra unicità.
In un tempo in cui l’omologazione appare come unico supporto e rifugio, la sfida più grande è quella di provare a conoscersi, ogni giorno. E magari accettarsi. Evitando di emulare, ma osando, con la propria unicità. Un po’ come la protagonista di questa breve storia…

Ida voleva volare.
Si arrampicava svelta fino in cima agli alberi e poi guardava giù. Una strana vertigine la assaliva alla bocca dello stomaco. Ma la faceva fremere.
Apriva le braccia come ali e si dondolava.
Pericolosamente, in precario equilibrio.
Immaginava di staccarsi dal ramo e fluttuare libera nell’aria.
Una volta aveva messo un piede in fallo ed era piombata nel vuoto. Pochi attimi di caduta per finire con la schiena a terra. Da quella posizione aveva ammirato l’altezza del suo albero. Le fronde perse nel blu del cielo.
Aveva chiuso gli occhi senza sentire nessun dolore. E si era fusa con l’erba sotto di lei, con la terra, le radici, il muschio, i fiori.
Rialzandosi ancora frastornata aveva sentito la pelle più spessa.
Forse perché la vera sfida non era quella di imparare a volare.
Ma di essere se stessi fino in fondo.
Pensato questo ad Ida sembrò di camminare staccata da terra.
Un po’ più leggera di certo.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

giovedì 8 Dicembre 2022