Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

L’universo dei Pokémon

Quando si tratta Pokémon, gli anni non si contano. Sia perché, nonostante la loro origine risalga a più di vent’anni fa queste creature a metà tra il fantasy e la leggenda non passano mai di moda, sia perché il pubblico che li ama è composto indistintamente da grandi e piccoli.

Sono infatti creature affascinanti e iconiche che hanno catturato l’immaginazione di milioni di persone in tutto il mondo e ancora oggi sono protagonisti di uno dei franchise più amati e di successo nella storia dei videogiochi, delle serie animate e dei film. Ma da dove provengono questi straordinari esseri?

L’idea dei Pokémon è nata dalla fervida immaginazione di Satoshi Tajiri, un designer di videogiochi giapponese. Fin da giovane, Tajiri era appassionato di esplorazione e collezionismo di insetti, tanto che veniva soprannominato “Dr. Bug” dai suoi amici. Questa passione per la cattura e la raccolta di creature viventi si è rivelata fondamentale per la creazione dei Pokémon.

Nel corso degli anni, Tajiri sviluppò l’idea di un mondo immaginario in cui le persone potessero catturare, addestrare e combattere le creature fantastiche da lui ideate.

Tajiri condivise la sua visione con Ken Sugimori, un talentuoso illustratore, e insieme fondarono Game Freak, una casa di sviluppo di videogiochi. Tajiri e Sugimori iniziarono a lavorare su un gioco chiamato “Capsule Monsters”, che in seguito divenne il famoso Pokémon.

Il nome è una parola macedonia originata dalla coppia di parole inglesi Pocket Monsters, mostri tascabili che riprende il senso del primo nome del gioco.

Per creare il mondo dei Pokémon, Tajiri e il suo team si sono ispirati alla ricca mitologia e alle tradizioni culturali giapponesi. Molti Pokémon sono basati su creature mitiche e leggende giapponesi, come ad esempio il drago giapponese chiamato “Ryū” che ha ispirato la linea evolutiva del Pokémon Dratini, Dragonair e Dragonite.

Quando Pokémon Rosso e Verde furono lanciati in Giappone nel 1996, non poteva essere previsto l’enorme successo che avrebbero ottenuto. Il gioco divenne rapidamente popolare e spinse alla creazione di una serie animata, di giochi di carte collezionabili, di anime, film, libri e di una vasta gamma di gadget e giocattoli.

Il fenomeno dei Pokémon si diffuse in tutto il mondo, con milioni di persone di ogni età che si appassionarono a questa nuova forma di intrattenimento. La semplicità del concetto di catturare, addestrare e combattere creature fantastiche colpì l’immaginazione di tutti, creando un legame emotivo con i personaggi e il mondo dei Pokémon. Inoltre, in generale, nelle battaglie non ci sono morti o sangue, evitando così la visione di scene violente o cruente.

I Pokémon non sono solo un fenomeno di intrattenimento, visto il loro enorme successo, è chiaro che l’idea di un mondo popolato da creature straordinarie che instaurano dei rapporti privilegiati con i propri allenatori è un sogno costante e presente nelle nostre vite a livello universale.

Basti pensare che la prima serie anime con protagonista Ash Ketchum è arrivata a 25 stagioni e che il Pokémon Trading Card Game è diffuso in 74 nazioni e tradotto in 11 lingue.

Quali sono i Pokémon più popolari di sempre?

Pikachu: Senza dubbio, Pikachu è uno dei Pokémon più iconici e riconoscibili. Compagno fedele di Ash, è la creatura mascotte del franchise Pokémon e ha ottenuto una grande popolarità grazie alla sua presenza nella serie animata, nei giochi e nel merchandising.

Una curiosità: inizialmente Pikachu doveva assomigliare a un mochi, il dolce giapponese, ma poi il design è cambiato e è diventato più simile a un topo.

Il sesso dei Pokémon si può vedere in base al colore, alle evoluzioni, ai nomi o a piccoli dettagli. Il maschio di Pikachu, infatti, ha la punta della coda dritta, mentre invece la femmina ha la punta della coda a cuore.

Charizard: Questo Pokémon di tipo Fuoco e Volante è diventato estremamente popolare grazie al suo aspetto impressionante e alla sua forza nelle battaglie. È anche uno dei Pokémon iniziali più amati nella regione di Kanto.

Gengar: è di tipo spettro e veleno, è presente fin dalla prima stagione e ha una mega evoluzione. Gengar emerge dall’oscurità o dall’ombra delle sue vittime per terrorizzarle.

Arcanine: nella prima stagione della serie è ritratto come uno dei Pokémon leggendari, anche se non lo diventerà mai. Appartiene al tipo fuoco e alla categoria Pokémon leggenda.

Ce ne sono molti altri che tutti conosciamo: Eeve, Bulbasaur, Squirtle, Jigglypuff, Rayquaza, Lucario.

Tra i videogiochi più amati si può trovare Pokemon Nero e Bianco. Nel 2025 si attende l’uscita di Pokemon A-Z, ambientato nel passato di Kalos.

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024