Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Lavorare nel campo della moda e del make up: Uarda Rexha si racconta

Uarda Rexha ha 27 anni, è nata a Tirana e vive a Milano: è fotografa di moda, post-producer e make-up artist. L’abbiamo incontrata per farci raccontare le sfaccettature della sua professione ed il percorso che l’ha portata a realizzare il suo sogno professionale!

Com’è nata la tua passione per il make up e dove hai imparato?

La mia passione per il make-up penso sia nata per una questione di vanità. Fin da piccolina ero affascinata dal mondo della bellezza femminile e dell’arte. Per questo motivo il mio percorso di studio è stato concentrato esclusivamente su questo, frequentando per l’appunto medie d’arte ed istituto d’arte.

Il tuo modo di truccare e gli effetti che crei sono una vera e propria arte. Quanto conta per te generare bellezza e perché? 

Tutti sappiamo che l’occhio ha bisogno della sua parte, ma fortunatamente con il mio modo di lavorare non mi soffermo alla superficie. Ritengo sia importante, tramite l’estetica, trasmettere anche maggior sicurezza alle mie clienti. Consideriamola una “terapia” a livello di autostima.

Per chi lavori e come crei nuove occasioni per farti conoscere?

Lavoro in proprio: ho a che fare sia con agenzie/riviste che con privati. Posso dire con fermezza che il mio percorso di crescita viaggi di pari passo con i social! È proprio tramite questi che viene riconosciuta la mia professione ed il mio stile.

Quanto conta la bellezza al giorno d’oggi?

Non mi va di essere ipocrita: si sa perfettamente che la bellezza e quindi anche l’apparenza purtroppo contano parecchio. Ai miei occhi, però, questo mondo va al di là del pensiero comune. Di base il mio mestiere consiste nell’avere la capacità di valorizzare la persona, per esaltare la bellezza di ognuno. Di conseguenza “strumentalizzo” l’apparenza estetica per generare nelle persone una maggior sicurezza in loro stesse.

Cosa consiglieresti a chi vuole intraprendere la tua strada? 

Di crederci davvero, non facendosi scoraggiare dai pareri altrui. Potrà sembrare una frase fatta ma è proprio vero che più si crede in se stessi, ignorando le correnti che ti remano contro, più si ha la possibilità di realizzare il proprio sogno. Nel mio caso tanti non ci credevano, ed altrettanti mi scoraggiavano, io però sono sempre stata convinta che sarei riuscita a fare della mia passione il mio lavoro e, per adesso, posso dire di esserci riuscita. È un percorso altalenante, ed è per questo motivo che bisogna sempre e comunque circondarsi di persone che ti amino e ti diano la forza di crederci. Lo scoraggiarsi fa parte di noi ed avere al proprio fianco qualcuno che ci dà la forza di non mollare è un punto fondamentale. Io ho avuto la fortuna di avere una famiglia che mi ha sempre sostenuta e che non ha mai dubitato di me, è proprio per questo motivo che ritengo sia molto importante valutare chi è al nostro fianco. 

Perché hai scelto di vivere a Milano?

Perché Milano è la base della bellezza. Ovviamente, come in tutti i casi, in una realtà così grande ci sono i pro ed i contro. Devo però ammettere che le cose negative riscontrate non sono correlate tanto alla grandezza di questa metropoli ma più che altro alla mentalità di alcuni ambienti: la moda è un mondo di squali. Io credo molto nel destino, ritengo perciò che sia stata Milano a scegliere me. Ai tempi utilizzavo Facebook ed avevo creato la mia pagina lavorativa. Da lì ci furono le prime richieste di stilisti emergenti che volevano realizzare i loro primi cataloghi, quindi quale migliore occasione per cominciare a tastare il terreno? Essere scelti per il proprio stile è un qualcosa di davvero gratificante, e non posso far altro che ringraziare l’esistenza dei social che ha fatto si che il tutto si realizzasse! Ho scelto di lavorare esclusivamente con la figura femminile, e questo perché ritengo che il mondo delle donne sia una varietà di bellezza, forza ed empatia. Abbiamo la capacità e la sensibilità di vedere le cose in maniera più colorata, armoniosa e bella. Guardare il mondo con questi occhi è qualcosa di indescrivibile!

 

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

domenica 26 Giugno 2022