Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Lavorare con passione? Sì, ma quella “giusta”

Foto jeshoot.com

«Qual è il tuo lavoro ideale?». Predisposizioni, talenti e preferenze personali rendono la risposta a questa domanda una questione tutta individuale. A ognuno il suo lavoro ideale, che sia nell’ingegneria aerospaziale, nell’agricoltura, nella scuola, nello sport o in qualsivoglia altro settore. Ad accomunare i più nella reazione al quesito, però, c’è da scommettere salti fuori di frequente proprio lei, la “passione”. D’altro canto, si sa e si dice spesso, «lavorare con passione è come non lavorare». Tanto più sei stato bravo, o fortunato, nel fare delle tue passioni un lavoro, tanto più il lavorar ti sarà lieve.

Ma siamo sicuri che sia davvero così? Secondo uno studio dei ricercatori Annika Breu e Taha Yasseri, pubblicato a gennaio scorso sulla rivista Current Psychology, no, non è esattamente così. Anzi, lavorare con passione, a certe condizioni, può addirittura diventare pericoloso.

Si distinguono infatti due tipi di “passioni lavorative”, la passione “armonica” e la passione “ossessiva”: nel primo caso, il lavoratore è posizione di controllo rispetto al proprio lavoro, che non interferisce quindi con altri importanti piani della sua esistenza, e dalla sua professione riesce a trarre grande soddisfazione; nella seconda, il lavoratore raramente riesce invece a staccare del tutto dal lavoro e, anche se ha successo in quello che fa, non riesce a trarne soddisfazione. La passione, in questo caso, lo espone più facilmente al rischio di burnout.

Analizzando i dati raccolti su un campione di 800 persone, i ricercatori hanno misurato alcuni loro tratti personali quali estroversione, gradevolezza, coscienziosità, nevroticismo e apertura mentale, incrociandoli poi con il loro atteggiamento verso il lavoro e con la professione svolta. I risultati hanno dimostrato che i tratti della personalità possono rendere più inclini a uno dei due tipi di passione, ma in combinazione con il tipo di lavoro che si è scelto, ossia a seconda che si sia optato per una professione più intellettuale, artistica, sociale, intraprendente o convenzionale (classificazione di Holland).  Ad esempio, le persone inclini al nevroticismo (quindi con sbalzi di umore, ansia e irritabilità) sviluppano più facilmente la passione per il lavoro ossessiva se sono avvocati, broker o si occupano di fundraising – professioni di tipo intraprendente – mentre sviluppano con maggior probabilità la passione armonica nel caso di professioni appartenenti alle altre categorie.

La questione è complessa, ma se ci sentiamo a rischio di burnout e non traiamo più soddisfazione dalla nostra professione, i ricercatori confermano che una via di uscita c’è: i tratti della personalità non si cambiano tanto facilmente, ma si può sempre provare a cambiare lavoro!

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Per la nostra sezione Sport, vi proponiamo il focus dedicato ai 32esimi di finale di Coppa Italia ...
  • "Al Tour de France trionfa lo sport, quello vero". Un approfondimento dedicato all'ultimo Tour de ...
  • Bill Russell è morto. Aveva 88 anni. Se ne va una leggenda della pallacanestro, il giocatore pi...
  • "La voce delle emozioni". Vi proponiamo oggi l'intervista alla filosofa e scrittrice Ilaria Gaspa ...
  • Joba è il nome d’arte di Giovanni Balduzzi, giovane cantautore che ha appena lanciato il suo n ...
  • "Canto per Europa, la migrante ferita dallo sguardo intelligente e profondo". Paolo Rumiz è stat ...

giovedì 11 Agosto 2022