Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

L’arteterapia arriva dove le parole non arrivano

Abbiamo incontrato Roberta Guarinoni, Psicoterapeuta di orientamento psicodinamico freudiano e Arteterapeuta, per parlare di arteterapia, strumento potente, capace di arrivare al nucleo delle emozioni più profonde dellindividuo.

Cosè e a cosa serve l’arteterapia? 

«Arte-terapia significaletteralmente “terapia con l’arte”. In sostanza usando il medium artistico l’arteterapeuta va a lavorare sulla qualità della relazione e sul benessere della persona. Per questo, è molto importante scegliere la modalità più adatta al bisogno; ad esempio i lavori con il materiale ad acqua vanno ad agire sulle emozioni: essendo il colore liquido difficile da gestire e quindi da “controllare”, consente a chi ha difficoltà nel lasciarsi andare di liberare i propri sentimenti. Viceversa, i pastelli o le cere (materiali secchi) sono ideali per chi ha bisogno di “contenimento”, di concentrazione. La lavorazione della creta è indicata in percorsi di potenziamento dell’autostima, migliora l’equilibrio, la capacità di “stare in piedi”: per costruire una statuetta che non cada è necessario infatti creare una base solida. Ogni materiale va scelto in base a chi si ha difronte e agli obiettivi che si desiderano raggiungere. L’arteterapeura propone sempre percorsi ad hoc. Dopo un primo colloquio, si decidono insieme al paziente modalità e tempi; si può anche scegliere di alternare psicoterapia e arteterapia o effettuare sedute “ibride”, come accade spesso, perché uno strumento integra l’altro e lo potenzia. Infine, si osserva quanto emerge dal manufatto (in arteterapia si chiama “manufatto” il prodotto della seduta), integrandone con spunti psicologici l’insight».

Quando si ricorre allarteterapia?

«L’ arteterapia è assolutamente per tutti, ma si rivela strumento indispensabile nei casi in cui ci siano difficoltà espressive, poiché bypassa ogni impedimento linguistico o cognitivo; per questo si usa spesso per patologie come l’autismo o con soggetti con compromissioni verbali, date ad esempio da ipossia alla nascita et similia».

Ci spieghi le differenze tra arteterapia e psicoterapia?

«La parola è mente e mente, poiché filtrata dal pensiero. Lavorare con l’arte permette più facilmente di accedere al pre-verbale, allinconscio. L’arte è più diretta e arriva più velocemente al nucleo del problema». 

Ci racconti il tuo percorso di formazione per diventare arteterapeuta?

«Dopo essermi specializzata al Cerp di Trento (Centro di Ricerca di Psicoterapia), di orientamento psico dinamico-freudiano, ho frequentato la scuola di Arti Terapie Artedo. Ci sono diverse branche: arteterapia, musicoterapia, teatroterapia e danzaterapia; ognuno può indirizzarsi a seconda delle proprie attitudini».

Ci parli del tuo lavoro?

«Lavoro in psichiatria, all’ospedale di Bolzano, e in diversi Crp, con soddisfazione. Ho da poco terminato al Foyer del S.Mauruzio una mostra intitolata: “Il fiume della vita”, in cui abbiamo esposto un’opera realizzata con i pazienti secondo modalità arteterapeutiche. Seppur talvolta di alto livello, in realtà non conta l’estetica di ciò che si crea, ma il “processo”,  i cui effetti perdurano nel tempo. Sentirmi dire “grazie, non ho pensato a nulla, ora sto meglio”, è per me il più grande successo». 

Approfondimenti
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

sabato 3 Dicembre 2022