Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

L’amore adolescenziale

Nel periodo dell’adolescenza, tutti i sentimenti si amplificano: la felicità, la malinconia, la tristezza. Anche l’amore ovviamente, quello che ci fa sentire “le farfalle nello stomaco” o che ci emoziona al punto da avere, come dice il famoso cantante Coez, «una scuola di danza nello stomaco» e che ci regala una delle sensazioni più belle e strane mai provate. Il momento in cui si capisce che ci piace qualcuno ci coglie di sorpresa, ma allo stesso tempo siamo entusiasti, iniziamo così a scrivere il suo nome ovunque, a fantasticare sul presunto rapporto che si potrà instaurare o che si è già instaurato. I primi amori o le prime cotte ricambiate, sono spesso indimenticabili: le ore passate a chattare sul telefono, l’aspettare i messaggi, e lo svegliarsi di notte per vedere se ti ha scritto, le coccole scambiate, le prime esperienze fatte con la persona amata, sono tutti momenti che ci rendono felici. banner Però si sa che gli amori tra i giovani non sono mai semplici. L’infatuazione può passare velocemente come è arrivata, ci si può sentire inadatti nel, e sentire un semplice “no” come risposta, e a volte, la fine di una relazione può essere devastante. Questa è l’età delle insicurezze legate alla crescita, alla scoperta di un mondo adulto ancora un po’ sconosciuto, e legate anche alla passione incontrollata che si prova. Si pensa sia impossibile andare avanti, come in una di quelle tragedie shakespeariane, invece quello che è importante ricordare è che prima o poi, dalla fine di una relazione ci si riprende: non sarà facile ma nemmeno impossibile. Nonostante la fine di un amore faccia soffrire, non bisogna chiudere il proprio cuore perché l’amore adolescenziale è così: potente, travolgente e mai banale, per questo ogni amore merita di essere vissuto. a

Approfondimenti, Scrittori di classe
Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 19 Aprile 2024