Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Meditare Cap.1

06a600
da Vocabolario Etimologico della Lingua Italiana

In India ho conosciuto chi ha scelto di isolarsi trascendendo la società con pratiche spirituali estreme, come una vita dedicata alla meditazione. Tutto serve se mette in discussione il proprio pensiero, ma tutto può essere nocivo se preso come protezione dalle difficoltà che una ricerca verso la felicità insita nell’uomo richiede. Una ricerca che fin dall’antichità è stata tradotta nella realizzazione di sé non solo sul piano interiore, accrescendo la propria consapevolezza spirituale, ma anche su quello esteriore, attraverso l’adempimento di un ruolo sociale.
Praticare meditazione è come suonare Jazz. Tante le melodie che possono esserlo così come le tecniche che si possono chiamare “meditazione”. Vipassana è una delle pratiche più antiche al mondo. A scoprirla fu Siddattha Gotama, il Buddha, più di 2500 anni fa. Da allora, maestro dopo maestro, viene tramandata per uscire da ogni pena. Questa tecnica, infatti, è priva di condizionamenti religiosi, settari e culturali perché si basa sul principio che le sofferenze sono universali così come le loro cause.
Dieci ore di meditazione al dì per altrettanti giorni. Tre pasti a scandire una giornata passata su un cuscino che si conclude con un breve discorso del Maestro Goenka in TV, decisivo per comprendere che le proprie difficoltà ad addestrare la mente sono quelle di tutti.

Leggi anche:
Meditare Cap.2

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

mercoledì 17 Aprile 2024