Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

Last Minute Market: meccanismi di difesa contro gli sprechi

cloud-risorse

Guardiamoci attorno: quanti oggetti inutilizzati abbiamo in giro per casa? Quante volte abbiamo buttato via medicinali intatti ormai scaduti? Se poi ci spostiamo a tavola, pensiamo ai chili di cibo che quotidianamente finiscono nella spazzatura. In una parola, spreco. Prima di spendere energie e denaro per produrre nuovi prodotti o gettare quelli ancora buoni, esiste un’altra soluzione da applicare a monte, a partire cioè dalle grandi aziende che accatastano nei magazzini quantità di merci ancora utilizzabili.

La proposta viene da Last Minute Market (LMM), spin-off dell’Università di Bologna dal 1998. (Uno spin-off è una società a tutti gli effetti, dove cooperano un ricercatore e l’Ateneo stesso come soci, ma in modo autonomo e non concorrenziale, lo scopo è anzi espandere le conoscenze di una ricerca per il bene comune). In questo caso l’intento è recuperare merci «invendute − o non commercializzabili − a favore di enti caritativi», sempre «tenendo sotto controllo gli aspetti nutrizionali, igienico-sanitari, logistici e fiscali», collaborando con gli assessorati locali, le prefetture e la ASL. LMM fa da tramite tra donatori e beneficiari. Per essere più chiari basta guardare alcuni degli obiettivi raggiunti:
• da un ospedale bolognese si recuperano giornalmente c.a. 30 pasti pronti, pari a 35.000€ l’anno;
• in alcune città si è ottenuto uno sconto sulla Tariffa di Igiene Ambientale (TIA) grazie allo smaltimento di farmaci;
• da un solo mercato ortofrutticolo sono state raccolte 60 tonnellate di frutta e verdura fresche;
• farmacie e mense scolastiche donano rispettivamente parafarmaci con un valore annuale di 11.300€ e cibo per un totale di circa 15.000 pasti;
• dal 2004 più di 80.000 libri destinati al macero sono stati adottati da varie istituzioni.

Tra le aziende che lavorano con LMM nelle province coinvolte ci sono, ad esempio: Carrefour, Coop Adriatico, Il Gigante, Cir Food, Veronamercato, Ato Forlì-Cesena, Simply SMA e tante altre. La lista di partecipanti è aperta sia alla grande distribuzione che vuole regalare prodotti in surplus ad enti benefici che ne hanno bisogno, sia alle istituzioni, compilando i rispettivi form*. Il sito poi spiega i vantaggi per le categorie interessate, come: «riduzione dei costi di smaltimento rifiuti; miglioramento dell’assistenza alle fasce più deboli della popolazione; diminuzione progressiva delle eccedenze»; investimento del denaro risparmiato in nuovi settori.
I ricercatori di LMM sostengono che «bisogna cercare la sostenibilità dei processi, oltre che dei prodotti»: se questo progetto venisse applicato sistematicamente, quasi come una legge, cambierebbe visibilmente tutto il meccanismo di recupero degli sprechi e la buona azione diventerebbe abitudine.
Per migliorare il Pianeta, oltre a dividere i cestini ecologici in casa, serve anche qualcuno che pensi in grande e che mostri le sue idee a tutti gli altri. Sta poi a noi decidere se metterle in pratica e cambiare il mondo, o continuare a lamentarci.

* Per le imprese: http://www.lastminutemarket.it/imprese/introduzione/contatti
Per il terzo settore: http://www.lastminutemarket.it/terzo_settore/contatti
Per le istituzioni: http://www.lastminutemarket.it/istituzioni/introduzione/contatti

Leggi anche:
Non sprechiamo altro tempo

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

venerdì 14 Giugno 2024