Chiudi

Un'esperienza su misura

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previa acquisizione del consenso, cookie analitici e di profilazione, di prima e di terza parte. La chiusura del banner comporta il permanere delle impostazioni e la continuazione della navigazione in assenza di cookie diversi da quelli tecnici. Il tuo consenso all’uso dei cookie diversi da quelli tecnici è opzionale e revocabile in ogni momento tramite la configurazione delle preferenze cookie. Per avere più informazioni su ciascun tipo di cookie che usiamo, puoi leggere la nostra Cookie Policy.

Cookie utilizzati

Segue l’elenco dei cookie utilizzati dal nostro sito web.

Cookie tecnici necessari

I cookie tecnici necessari non possono essere disattivati in quanto senza questi il sito web non sarebbe in grado di funzionare correttamente. Li usiamo per fornirti i nostri servizi e contribuiscono ad abilitare funzionalità di base quali, ad esempio, la navigazione sulle pagine, la lingua preferita o l’accesso alle aree protette del sito. Comprendono inoltre alcuni cookie analitici che servono a capire come gli utenti interagiscono con il sito raccogliendo informazioni statistiche in forma anonima.

Prima parte6

cm_cookie_cookie-wp

PHPSESSID

wordpress_test_cookie

wordpress_logged_in_

wordpress_sec_

wp-wpml_current_language

YouTube1

CONSENT

Scopri di più su questo fornitore

Google3

_gat_

_gid

_ga

Scopri di più su questo fornitore

La vità è adesso

“Non è raro che le persone trascorrano tutta la vita in attesa di iniziare a vivere”, scriveva Echkart Tolle. Quante volte pensiamo e ripensiamo al passato come se i momenti migliori li avessimo già vissuti? Quante volte pensiamo al futuro sperando che la nostra vita possa cambiare?

Spesso siamo inchiodati ad un passato che non esiste più e ad un futuro che non esiste ancora. È però incredibile cosa può accadere quando ci focalizziamo invece sull’adesso.

Lao Tzu sosteneva che “se sei depresso, stai vivendo nel passato. Se sei ansioso, stai vivendo nel futuro. Se sei in pace, stai vivendo nel presente”. Il passato talvolta può farci compagnia, ma ci fa perdere di vista tutto quello che può accadere in questo preciso momento e che può diventare a sua volta il nostro ricordo migliore. Esso spesso diventa una prigionia, perché rimaniamo ancorati a ciò che eravamo e a situazioni che spesso si sono evolute e che sono mutate: nessuno rimane come era un tempo, niente rimane statico. La vita è dinamicità, è cambiamento, è un divenire di attimi che si espandono contenendo un briciolo di eternità.

Il futuro spesso ci porta ad avere delle aspettative, delle paure e talvolta ci dà un profondo senso di spaesamento. E se non dovesse accadere quanto vorremmo? E se fossimo destinati ad una vita diversa da quella che abbiamo in testa? Quando ci immergiamo troppo in ciò che potrebbe accadere rallentiamo, evitiamo di prendere decisioni importanti, riflettiamo di più e perdiamo di vista le sensazioni che proviamo che ci stanno indicando una via a noi sconosciuta.

Quando ci immergiamo nel presente i nostri sensi riescono ad accogliere maggiormente tutto quello che arriva dall’esterno e accadono cose sorprendenti.

Scoprirai il rumore dell’aria, del silenzio, del brusio delle persone. Scoprirai che dentro di te le emozioni divampano e le decisioni si prendono da sole, senza sforzi. Scoprirai il sapore del cibo: riuscirai a distinguere tutti gli ingredienti di ciò che assapori. Il modo in cui viviamo e decidiamo di affrontare ciò che ci accade determina la nostra felicità.

La maggior parte dei problemi e dei nostri stati d’ansia sono per lo più immaginari, sono associati a situazioni non ancora accadute o che sono, al contrario, già accadute. Tutto questo non significa non avere obiettivi, ma significa accogliere ciò che di spontaneo arriva ogni singolo secondo e imparare a volare e adattarsi costantemente.

Proprio in questo modo inizierà a capitare l’inaspettato. E la vita non è proprio questo? Un susseguirsi di cose inaspettate che generano in noi un costante stato di meraviglia e sorpresa, facendoci sentire sempre più vicini alla nostra autenticità e alla nostra volontà, quella vera, che si libera delle paure che arrivano dal passato e si libera dalle aspettative che ci impone il futuro.

I bambini non pensano a quello che succederà eppure, immergendosi nel gioco, nel disegno, nella loro creatività, fanno accadere spontaneamente il futuro e mutano interiormente. I fiori non pensano di sbocciare: lo fanno e basta e diventano meravigliosi senza alcuno sforzo.

L’adesso contiene tutto, ma soprattutto l’eternità.

Lascia un commento

I commenti sono moderati. Vi chiediamo cortesemente di non postare link pubblicitari e di non fare alcun tipo di spam.

Invia commento

Twitter:

  • Il #Moltiplicazionifestival 2022 ha avuto tra i suoi protagonisti i green content creator Alice P ...
  • Nel corso del #Moltiplicazionifestival è stato proiettato il documentario “PrimAscesa – la m ...
  • Tra gli eventi di apertura del Moltiplicazioni 2022, si è tenuto un dialogo d’ispirazione ince ...
  • Vi raccontiamo in quest'approfondimento l'incontro "Siamo Ovunque. Dialoghi ed esplorazioni sul m ...
  • La nostra redazione, lo scorso fine settimana, ha seguito il #moltiplicazionifestival di Rovereto ...
  • Puntuale come ogni anno, prima della fine dell’estate, anche nel 2022 è tornato Poplar Festiva ...

giovedì 8 Dicembre 2022